News

14/12/2017

CONTO CORRENTE BANCARIO E DONAZIONE INDIRETTA


   

Il Tribunale di Potenza, con una sentenza del 28 luglio 2017, n. 915, ponendosi in contrasto con l’orientamento espresso dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione con la sentenza del 27 luglio 2017, n. 18725, ha affermato che la cointestazione di un conto corrente bancario o di un dossier titoli deve essere considerata quale donazione indiretta laddove venga dimostrato il c.d. “animus donandi”.

Nel caso in cui, invece, non venga dimostrato l’”animus donandi”, la cointestazione deve essere intesa quale comproprietà della giacenza esistente sul conto corrente o sul dossier titoli.

Le conclusioni cui giunge il Giudice lucano appaiono ben differenti rispetto alla posizione espressa dalle SS. UU. della Corte di Cassazione nella citata sentenza n 18725 del 2017: in quell’occasione, difatti, il trasferimento di strumenti finanziari dal conto di deposito titoli di un soggetto effettuato in favore di un altro soggetto, dietro ordine di bancogiro impartito all’istituto bancario, non era stato considerato quale donazione indiretta ma quale donazione diretta, con la conseguenza che essa è stata considerata nulla perché non stipulata nella forma dell’atto pubblico.

donazione indiretta