News

22/03/2019

LA GIURISPRUDENZA DI MERITO IN ORDINE ALL’ONERE DELLA PROVA IN TEMA DI TRANSFER PRICING


La Giurisprudenza di merito in ordine all’onere della prova in tema  di Transfer Pricing

La Commissione tributaria regionale della Lombardia, con la sentenza n. 376/03/2019, ha ribadito come la ripartizione dell’onere della prova nelle ipotesi di contestazioni sui prezzi di trasferimento infragruppo (transfer pricing) imponga, da un lato, all’amministrazione di dimostrare l’esistenza di transazioni tra imprese collegate, dall’altro, al contribuente di provare, secondo le regole ordinarie di vicinanza della prova all’articolo 2697 c.c., che le transazioni sono intervenute per valori di mercato da considerarsi normali (ex art. 9, co. 3, TUIR).

Applicando tale principio la Commissione regionale adita ritiene che tale onere sia stato soddisfatto dal contribuente il quale aveva descritto e documentato in atti che le funzioni e l’organigramma della consociata tedesca fossero tali da rendere conto in modo esauriente della particolarità della consociata tedesca e dell’attendibilità del metodo C.U.P. utilizzato, sia per quanto riguarda le regole del mercato, garantite dalla presenza di soci tedeschi indipendenti, sia per quanto riguarda l’effettivo svolgimento di funzioni incisive ed importanti (la gestione della clientela, dei progetti, delle gare, dei servizi di assistenza).

Transfer_Pricing_2-768x316