Attualità

29/08/2018

ROGATORIE E DOCUMENTAZIONI ACQUISITE


Con sentenza n. 1045/2018, la Commissione tributaria regionale dell’Emilia Romagna ha stabilito che non sussiste una violazione al principio di “specialità” nell’ipotesi di accertamento basato su elementi reperiti nell’ambito di una rogatoria internazionale poiché le limitazioni poste dalle autorità straniere (segnatamente, di San Marino) hanno effetti in ambito penale e non fiscale, non essendovi dunque alcuna disposizione che ne vieta l’uso in sede tributaria.

I giudici hanno confermato che le autorità dello Stato estero, nel trasmettere i documenti richiesti dalla Procura della Repubblica, “apponevano la clausola di specialità, precisando che la stessa non avrebbe potuto essere utilizzata per fini diversi da quelli indicati nella domanda, coincidendo la stessa nell’accertamento di reati di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio e all’abusiva attività di esercizio del credito bancario”. Tuttavia, ha precisato il Collegio giudicante, “non è dato constatare l’esistenza, nell’ordinamento tributario, di una disposizione equiparabile all’art. 191 c.p.p.” relativamente, appunto, alla clausola di specialità.

La Commissione regionale, nella disamina del caso, ha precisato che non vi è alcuna preclusione, ai fini fiscali, all’utilizzabilità dei dati e dei documenti ricevuti mediante rogatoria, poiché una siffatta limitazione trova applicazione nel solo ambito penale.

Pertanto, ad avviso della Commissione, la tutela di rango costituzionale garantita dall’articolo 10 è da intendere limitatamente alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute, non rientrandovi i singoli impegni assunti in campo internazionale. La Commissione conclude precisando che “l’osservanza delle convenzioni internazionali (…) non assume valore preminente rispetto all’interesse dello Stato-comunità a tutelare l’obiettivo di acquisizione delle risorse finanziarie fondamentali per garantire la vitalità e lo sviluppo della collettività interessata (art. 53 Cost.)”.

scambio-info