Attualità

Con il principio di diritto n. 6 del 15 ottobre 2018, l’Agenzia delle entrate ha fornito interessanti osservazioni riguardo al commercio delle c.d. “bare fiscali”, fenomeno che ha condizionato il riporto delle perdite ante fusione al rispetto di determinati parametri qualitativi e quantitativi in capo alle società cui le perdite si riferiscono, tra cui il c.d. “test di vitalità”. Come noto, scopo precipuo del test è di verificare che la società fusa o incorporata non sia stata volutamente depotenziata nel periodo precedente alla fusione. Ebbene, nel caso analizzato dall’Agenzia, ...
START
Nel caso di procedure concorsuali di concordato con continuità “esterna” – nelle quali la continuazione dell’attività aziendale è operata da un terzo e non direttamente dal debitore – le sopravvenienze attive derivanti dallo stralcio dei debiti sono, ai sensi dell’art. 88, co. 4-ter, Tuir, detassate totalmente (alla stregua di quanto avviene nell’ambito dei concordati preventivi liquidatori). Questo l’importante chiarimento fornito dal Ministero dell’Economia e delle Finanze a fronte di un’interrogazione parlamentare. Premesso che l’art. 88, co. 4-ter, Tuir, distingue ...
fallimento
In data 19 settembre 2018 è stato pubblicato il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 215450/2018 con cui è stato approvato il Modello AGI/1 da utilizzare per l’esercizio dell’opzione per la costituzione del Gruppo Iva. Per quanto concerne la prima applicazione del nuovo istituto, se il Modello in argomento viene presentato entro il prossimo 15 novembre 2018, il Gruppo ha efficacia dal 1° gennaio 2019. A regime, invece, se il Modello per l’esercizio dell’opzione o della revoca viene presentato fra il 1° gennaio e il 30 settembre, l’opzione o la revoca hanno ...
iva
La Corte di Cassazione con ordinanza 28 giugno 2018, n. 17128, ha ribadito come non sia sempre elusiva la donazione di un bene immobile ai figli seguita dalla rivendita, in quanto, trattandosi di rapporti patrimoniali tra genitori e figli, assume rilievo preminente il profilo della libertà di pianificazione successoria, nonché la circostanza che nulla impone al contribuente di optare, nell’esercizio della propria attività negoziale, per la soluzione più onerosa sul piano fiscale. La vicenda trae origine dalla notifica di due avvisi di accertamento ai fini Irpef con cui l’Agenzia delle ...
donazione indiretta
Con la sentenza n. 3309/2018, la XVI Sezione della Commissione tributaria provinciale di Milano ha stabilito che il decreto ingiuntivo ottenuto dal creditore per inadempienza contrattuale e consistente nella condanna alla restituzione di parte di una somma versata, a titolo di acconto-prezzo per l’acquisto di una partecipazione, è da tassare con imposta di registro in misura fissa, in ossequio al principio di alternatività registro/Iva, qualora l’atto iniziale abbia ad oggetto la vendita di una partecipazione tra due soggetti Iva, anche se l’operazione è in regime di esenzione dall’imposta ...
IVA
Con sentenza n. 1045/2018, la Commissione tributaria regionale dell’Emilia Romagna ha stabilito che non sussiste una violazione al principio di “specialità” nell’ipotesi di accertamento basato su elementi reperiti nell’ambito di una rogatoria internazionale poiché le limitazioni poste dalle autorità straniere (segnatamente, di San Marino) hanno effetti in ambito penale e non fiscale, non essendovi dunque alcuna disposizione che ne vieta l’uso in sede tributaria. I giudici hanno confermato che le autorità dello Stato estero, nel trasmettere i documenti richiesti dalla Procura della ...
scambio-info
In materia di criptovalute la Svizzera, dopo aver regolamentato le Initial coin offering o ICO, rappresenta il territorio più adatto per gli investitori e le aziende. I contribuenti elvetici sono, infatti, già oggi in grado di conoscere in anticipo e con certezza a quali modalità verranno sottoposte le loro operazioni riguardanti valute virtuali. Invero, in attesa di una normativa generale di matrice federale, i singoli Cantoni si sono adoperati con documenti di prassi ad organizzare la divisione della contribuzione. Si pensi al caso del Canton Ticino, dove l’amministrazione finanziaria ...
bitcoin4
Con la sentenza “Fidelity” (causa C-480/16) pubblicata lo scorso 21 giugno 2018, la Corte Ue ha confermato l’incompatibilità con le libertà fondamentali europee delle legislazioni statali che prevedano regimi fiscali differenziati per i dividendi distribuiti ai fondi d’investimento a seconda che questi siano stabiliti nello Stato di provenienza dei dividendi o in altri Stati. Per la Corte tale differenziazione – nella specie tra il regime di ritenuta applicabile ai dividendi distribuiti da una società danese a un fondo danese e fondi inglesi/lussemburghesi – viola la libera circolazione ...
ue2
È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 26 febbraio 2018, il DPCM 25 gennaio 2018, n. 12 in materia di regolamentazione delle Zone Economiche Speciali (ZES) che include i criteri per beneficiare, oltre che delle agevolazioni di natura amministrativa e procedurale, anche del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno (bonus Sud). L’istituzione delle Zone economiche speciali è stata prevista dal c.d. “decreto Sud” dello scorso anno (articoli 4 e 5, Dl 91/2017, convertito, con modificazioni, dalla legge 123/2017), per favorire, in alcune aree del Paese, la creazione di ...
app okJPG
L’Avvocato Generale dell’Unione europea ha presentato le proprie conclusioni con riferimento alla causa C-153/17, nell’ambito della quale si discuteva in al diritto della convenuta di detrarre l’imposta sul valore aggiunto assolta a monte sui beni e sui servizi utilizzati ai fini delle loro operazioni di locazione con opzione d’acquisto. A parere dell’Avvocato Generale, il quesito di diritto posto a fondamento del rinvio pregiudiziale si riassume nell’interrogativo se un soggetto passivo che effettua nel contempo operazioni imponibili e operazioni esenti strettamente connesse a tali ...
locazione