Ricerca

Ordina per: Rilevanza | Il più recente | Il meno recente

Documenti trovati: 211

Articolo rivista - SFEF - 2014/15

Pisani Raoul

Alcune riflessioni sulla nuova aliquota del 26 per cento


 Titolo paragrafo Come noto a partire dall’1 luglio 2014 l’aliquota che colpisce “le rendite finanziarie” è stata elevata al 26%. Si tratta di un incremento considerevole che ha fatto seguito ad un precedente incremento dal 12,50% al 20%, all’introduzione della c.d. “minipatrimoniale” (vale a dire l’imposta di bollo sulle attività finanziarie) ed all’applicazione dell’imposta ...

Articolo rivista - SFEF - 2015/18

Uckmar Victor

Quali risultati per la voluntary disclosure?


La legge 15 dicembre 2014, n. 186, a mio avviso, sarà foriera di profonde delusioni: per il Governo, in quanto determinerà la regolarizzazione di pochi milioni rispetto ai miliardi che secondo autorevoli fonti sarebbero giacenti irregolarmente all’estero; per gli imprenditori, che vorrebbero utilizzare le disponibilità irregolarmente all’estero; per gli studiosi, che dall’inizio dell’iter ...
Uno degli elementi di maggiore debolezza del sistema dei principi contabili internazionali è senza dubbio rappresentato dalle stime di fair value degli strumenti finanziari per i quali non esista un mercato attivo e non esistano strumenti comparabili dotati di mercato attivo (il famoso livello 3 della gerarchia introdotta dall’IFRS 13 Fair Value Mesaurement). In questi casi il fair value è oggetto ...
La gestione del “dopo scudo”, nel futuro immediato, terrà ancora viva l’attenzione degli intermediari e di tutti quei clienti che hanno aderito all’operazione di emersione – cosiddetto scudo fiscale-ter – conclusasi ufficialmente il 31 Dicembre 2010 con la risoluzione delle cause ostative. Questo è quanto emerge dalle circolari dell’Agenzia delle Entrate emanate alla fine del 2010 ...

Articolo rivista - SFEF - 2011/3

Uckmar Victor

Strumenti finanziari e fiscalità: trasparenza contro mala gestio


Con molta soddisfazione abbiamo constatato il vasto interesse suscitato per la nostra iniziativa editoriale che intende delineare e approfondire gli aspetti giuridici, fiscali, economici, aziendali ed operativi, relativi agli strumenti finanziari alcuni dei quali, e soprattutto i derivati, non sono stati ancora compiutamente regolati, nonostante abbiano preso largo campo. È stato riferito (così ...

Articolo rivista - SFEF - 2017/31

Pisani Raul

Qualche riflessione sulla natura delle polizze assicurative vita


Tradizionalmente le compagnie di assicurazione producono contratti offrendo garanzie ai contraenti e soprattutto ai beneficiari. Tali garanzie sono essenzialmente garanzie attuariali (capitali caso morte, caso vita, invalidità permanente, malattia, etc.) e finanziarie (in termini di rendimenti minimi garantiti). Lo sviluppo del settore vita è in gran parte ascrivibile alla disponibilità di queste ...
Sommario Il Dipartimento delle Finanze del MEF ha pubblicato lo scorso 4 ottobre i primi chiarimenti sullo speciale regime fiscale per i “piani di risparmio a lungo termine- PIR”. Per effetto della legge di bilancio per il 2017, il Legislatore tributario ha introdotto, per la prima volta, dopo numerosi tentativi normativi falliti, per le persone fisiche residenti una esenzione generalizzata ...
C’è un tipo di innovazione finanziaria che serve solo a chi l’inventa, ma c’è anche un’innovazione finanziaria che serve all’economia reale. I PIR, i piani di risparmio di lungo termine, approvati con la Legge di Bilancio (Legge 11 dicembre 2016, n. 232, art. 1, commi 100-114), rientrano in quest’ultima categoria e il loro successo è intrinseco nella loro denominazione, sono strumenti ...
A seguito della pubblicazione dei primi chiarimenti (di seguito “Linee Guida”) sullo speciale regime fiscale per i “piani di risparmio a lungo termine” (c.d. “PIR”), il 4 ottobre scorso, da parte del Dipartimento delle Finanze del MEF, l’Agenzia delle entrate ha fornito alcuni chiarimenti in merito a tale istituto, introdotto ad opera della Legge di Bilancio per il 2017 (Legge 11 dicembre ...
Da alcuni anni l’offerta assicurativa del ramo vita si caratterizza per una forte componente finanziaria intesa come parte costitutiva del contratto assicurativo. Quest’ultimo è vista come un prodotto di investimento volto a costituire un capitale investendo lucrativamente il premio versato. In passato le Compagnie erano solite offrire rendimenti minimi o specifiche garanzie finanziarie circa ...