SFEF

2015/18

Voluntary disclosure: la detenzione all’estero dei capitali e il ruolo della fiduciaria quale sostituto d’imposta


La Legge 186/2014 e la Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 10/E del 13 marzo 2015, nel dettare norme in materia di emersione dei capitali illecitamente detenuti all’estero, prevedono anche la possibilità di mantenere le attività all’estero conferendo apposito incarico ad una società fiduciaria affinché svolga l’attività di sostituto d’imposta. L’articolo descrive le principali caratteristiche del rimpatrio giuridico e le sue differenze rispetto alle altre possibili opzioni a disposizione del “disclosante”, dando altresì conto delle attività e delle responsabilità del sostituto d’imposta alla luce anche della circolare emanata da Assofiduciaria il 26 marzo 2015.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.