SFEF

2015/19

Il decreto 166: nuovi limiti agli investimenti per i Fondi pensione


Dopo ben 18 anni il d.m. 703/96 viene sostituito dal d.m. 166/2014, entrato i vigore il 28 novembre scorso. Il contributo passa in rassegna le principali caratteristiche del provvedimento: l’ambito di applicazione, l’identificazione dell’ampliato universo investibile, i nuovi limiti quantitativi, i conflitti di interesse. Inoltre si mette in evidenza come la vera novità del nuovo provvedimento sia la differente logica sottostante: mentre infatti il 703 si basava esclusivamente su precisi limiti quantitativi, rispettati i quali nulla poteva essere rimproverato agli amministratori del Fondo pensione, la nuova normativa presta invece una maggiore attenzione alle capacità gestionali, alla struttura organizzativa preposta alla gestione e ai relativi processi decisionali.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.