SFEF

2014/17

A proposito del rischio riciclaggio e del rischio finanziamento del terrorismo (note a margine dell’entrata in vigore del nuovo reato di autoriciclaggio)


L’istituto dell’adeguata verifica della clientela si focalizza sulla valutazione del rischio di riciclaggio e di finanziamento del cliente di cui sono potenziali (o reali) portatori l’esecutore, il cliente ed il titolare effettivo di un rapporto continuativo, di un’operazione o di una prestazione professionale. La profilatura, in un primo momento astratta e, poi, caso per caso concreta, di questi soggetti, in breve della clientela, è, ormai, discriminante per l’attività bancaria, finanziaria, non finanziaria, libero professionistica, ecc., e fondante rispetto a tutto ciò che viene dopo. Il reato di autoriciclaggio, di recente divenuto parte dell’ordinamento nazionale arricchisce e completa una disciplina – l’antiriciclaggio - sempre più ampia e penetrante, dai risvolti poliedrici.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.