SFEF

2014/17

Regime IVA delle prestazioni di servizi tra casa madre e stabile organizzazione: brevi considerazioni alla luce della Sentenza Skandia


La Corte di Giustizia europea, con sentenza del 17 settembre 2014, causa n. C-7/13 (c.d. sentenza Skandia) ha concluso per l’imponibilità ai fini IVA delle prestazioni di servizi tra casa madre e stabile organizzazione estera, in considerazione del fatto che quest’ultima era parte di un gruppo IVA nello Stato di stabilimento. Tale conclusione ha generato un certo disorientamento tra gli operatori che si domandano se sia ancora valido il principio generale stabilito nel 2006 dalla medesima Corte con la sentenza FCE, secondo cui le prestazioni tra casa madre e stabile organizzazione sono fuori campo IVA. A nostro avviso, un’attenta lettura della sentenza Skandia dovrebbe portare a concludere che le conclusioni ivi raggiunte dalla Corte riguardano un caso molto specifico, con la conseguenza che le stesse non dovrebbero essere oggetto di applicazione generale ed indiscriminata.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.