SFEF

2014/16

Imprese di assicurazione: dalle rilevazioni contabili alla redazione del bilancio di esercizio. Le rilevazioni contabili e le appostazioni di bilancio delle provvigioni di acquisto di contratti poliennali, in particolare nei rami vita


Il bilancio delle imprese del settore assicurativo soggiace, come in tutte le realtà d’impresa, al principio della competenza economica. Esistono tuttavia dei casi nei quali è consentito derogare a tale principio: per essere più precisi, vi sono poste di bilancio – le Provvigioni di acquisizione, in particolare nei rami vita – per le quali la deroga alla rilevazione per competenza costituisce la prassi dominante. Premesso un doveroso cenno all’impostazione (definibile come “teorica”) del problema, si riportano – commentandoli – ampi stralci della regolamentazione di settore. Con riferimento a tale disciplina di settore, dapprima vengono illustrati i limiti consentiti alla deroga al principio di competenza e, successivamente, i riflessi su altre voci di bilancio, in modo particolare sulla valutazione delle riserve matematiche. Segue un brevissimo excursus nell’area della riassicurazione, per chiarire da un lato la “sovrapponibilità” della prassi tra settore assicurativo diretto e sub-settore riassicurativo e, dall’altro, la totale indipendenza delle scelte delle due controparti – assicuratore-cedente e riassicuratore – in materia di principi contabili di bilancio. Un richiamo alle norme di carattere tributario e ad autorevole dottrina concludono l’intervento.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.