SFEF

2014/15

Le modifiche alle disposizioni fiscali relative alla tassazione dei partecipanti in OICR contenute nel D.lgs. N. 44 del 4 marzo 2014


Con il Decreto Legislativo n. 44 del 4 marzo 2014, sono state apportate una serie di modifiche civilistiche e fiscali alla disciplina degli organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR), in recepimento della Direttiva 2011/61/UE del Parlamento Europeo sui gestori di fondi d’investimento alternativi (c.d. direttiva AIFM). La Direttiva, introduce misure volte a creare un mercato europeo dei gestori di fondi d’investimento alternativi (GEFIA) mediante la definizione di un quadro di riferimento armonizzato per la loro regolamentazione. Il recepimento della direttiva AIFM ha inoltre costituito l’occasione per integrare la disciplina fiscale degli OICR tenuto conto del nuovo quadro normativo di riferimento e dei nuovi istituti introdotti. In particolare, il decreto introduce nell’ambito della definizione di OICR italiani anche le SICAF a cui viene estesa la disciplina fiscale riguardante gli OICR immobiliari (qualora le SICAF investano in immobili) ovvero le SICAV (qualora si tratti di SICAF diverse da quelle immobiliari). È stata, poi, creata una disciplina fiscale ad hoc per i proventi derivanti da OICR immobiliari esteri (analoga a quella degli omologhi prodotti di diritto italiano), e si è voluto riscrivere le regole sulla determinazione della base imponibile dei proventi derivanti da OICR sia italiani sia esteri, con impatto soprattutto per quegli OICR che non redigono prospetti giornalieri (come ad esempio gli OICR mobiliari italiani di tipo chiuso) ovvero per gli organismi negoziati in mercati regolamentati, quali gli Exchange Traded Fund (ETF). Oltre ad alcune disposizioni fiscali di coordinamento, comunque di non trascurabile importanza.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.