SFEF

2013/13

Brevi note in materia di monitoraggio fiscale e titolari effettivi: un’estensione da maneggiare con cautela


La Legge Europea ha modificato sensibilmente gli obblighi imposti dalla normativa in materia di monitoraggio fiscale sui contribuenti non operanti in regime di impresa. Da un lato, rispondendo alle censure della Commissione Europea, sono stati semplificati gli obblighi dichiarativi di cui al Quadro RW mediante l'eliminazione delle sezioni I e III. Inoltre, sono state ridotte le sanzioni per l'inadempimento di tali obblighi dichiarativi, in quanto ritenute sproporzionare rispetto al disvalore ed alla rilevanza erariale delle violazioni sottostanti. La novità di maggior momento pare tuttavia rappresentata dall'estensione degli obblighi di dichiarazione anche ai soggetti che risultano "titolari effettivi" di attività all'estero. Ancorché la nozione di "titolare effettivo" derivi dichiaratamente dalla normativa antiriciclaggio, nella sua trasposizione alla materia tributaria essa finisce per assumere connotati nuovi. Ciò che più conta, tuttavia, è che la nozione di "titolare effettivo" non possa, né debba, in alcun modo sovrapporsi a quella di possessore del reddito, finendo per attrarre a tassazione una capacità contributiva mediata e del tutto ipotetica.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.