SFEF

2015/21

Imposta di registro e “circolazione” autenticata di quota di fondo comune d’investimento


Il trasferimento di quota di fondo comune di investimento tra privati, senza il servizio degli intermediari finanziari, sollecita il tema dell’applicazione dell’imposta di registro nelle alternative possibile tra atto di negoziazione di quote (in forma autentica o meno) e girata delle stesse. Infatti la mancanza di un chiaro riferimento normativo che consenta di assimilare le quote di fondo alle azioni, così come ai titoli di serie e di massa, rende opportuno un tentativo di interpretazione sistematica delle disposizioni del testo unico.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.