SFEF

2015/21

Collaborazione Volontaria: il recupero dell’euroritenuta attraverso l’istanza di rimborso


Nell’ambito della procedura di collaborazione volontaria restano ancora privi di chiarimenti ufficiali i dubbi sollevati dagli operatori in merito alla fruibilità del credito per le imposte pagate all’estero e, più specificamente, per l’ euroritenuta prelevata dagli intermediari esteri. Le prime procedure di collaborazione già concluse confermano quanto genericamente accennato da alcune Direzioni Regionali dell’Agenzia delle Entrate circa l’impossibilità di riconoscere il credito per le imposte assolte all’estero. Sebbene l’indirizzo espresso dall’Amministrazione sia criticabile, non è comunque escluso il diritto del contribuente al rimborso della ritenuta comunitaria. Nel presente contributo sono tratteggiati i presupposti normativi su cui fonda il diritto al rimborso. Sono rappresentate, infine, alcune riflessioni sui termini per la presentazione della richiesta di rimborso; i predetti termini sono collegati, ragionevolmente, al momento in cui il diritto si configura: il pagamento delle imposte liquidate dall’Ufficio in sede di collaborazione.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.