SFEF

2013/11

Chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sul regime fiscale applicabile a cambiali finanziarie, obbligazioni e titoli similari e project bond a seguito dei Decreti “Crescita” e “Crescita-bis”


Con la Circolare 6 marzo 2013, n. 4/E l’Agenzia delle Entrate ha fornito una serie di chiarimenti interpretativi sul regime fiscale applicabile alle cambiali finanziarie e alle obbligazioni e titoli similari emessi da soggetti diversi dalle società quotate e dai grandi emittenti la cui disciplina è stata modificata da parte dei decreti 83 e 179 del 2012. In particolare i chiarimenti dell’Agenzia si sono concentrati sull’estensione del regime di cui al d.lgs. n. 239 del 1996 anche a tali nuovi titoli obbligazionari e similari e sul regime di deducibilità degli interessi passivi che è derogatorio rispetto a quanto previsto dall’art. 3, comma 115, l. n. 549 del 1995 e dagli artt. 109, commi 1 e 9 e 107, co. 4, TUIR; in ogni caso tali chiarimenti non hanno potuto evidentemente superare una serie di limitazioni derivanti da una formulazione normativa (a dispetto delle intenzioni) poco omogenea e che solo lo stesso legislatore potrà colmare.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.