SFEF

2013/10

Il regime fiscale dei c.d. “mini-bonds”


L’art. 32 del D.L. n. 83 del 2012 introduce una nuova disciplina per taluni tipi di obbligazioni e titoli similari emesse da soggetti diversi dalle società quotate e dai grandi emittenti. Per effetto di questa disciplina i proventi di tali obbligazioni non sono soggetti ai limiti di deducibilità previsti dall’art. 3, comma 115 della L. n. 549 del 1995 e dall’art. 109, comma 9, t.u.i.r. (ove il rendimento sia parametrato ai risultati dell’esercizio). Inoltre, a tali titoli si applica il regime proprio dei grandi emittenti previsto dal D.Lgs. n. 239 del 1996. Si tratta, tuttavia, di una disciplina che presenta taluni profili di disorganicità sia per quanto riguarda la definizione normativa delle fattispecie soggette a tale regime, sia delle caratteristiche specifiche del regime medesimo. L’articolo si propone di fornire un inquadramento, per quanto possibile coerente, evidenziando, tuttavia, le criticità che più difficilmente si prestano ad essere risolte in chiave esegetica.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.