SFEF

2013/10

L’imposta sulle transazioni finanziarie: la c.d. Tobin Tax


L’art. 1, comma 491 e ss., della Legge di stabilità ha introdotto un’imposta sulle transazioni finanziarie che entrerà in vigore a partire dal 1° marzo 2013. Tale imposta si articola in tre differenti tipi di prelievo: i) un’imposta sulle transazioni aventi ad oggetto azioni e strumenti finanziari partecipativi (con un’aliquota più gravosa per le operazioni OTC); ii) un’imposta fissa sulle operazioni su derivati aventi come sottostante i citati titoli; iii) un’imposta sulle negoziazioni ad alta frequenza relative agli strumenti finanziari suddetti (azioni/strumenti partecipativi e derivati sugli stessi). Nell’attesa dell’emanazione del regolamento attuativo, si analizza la bozza di decreto apparsa sul sito del Ministero delle Finanze. Tale imposta avrà vita breve in quanto il 14 febbraio 2013, la Commissione Europea ha pubblicato la proposta di Direttiva concernente un sistema comune d’imposta sulle transazioni finanziarie per gli undici Paesi EU (tra cui l’Italia) che hanno deciso di introdurla tramite la cooperazione rafforzata. Seconda tale proposta la Direttiva dovrà essere adottata entro il 30 settembre 2013 e dovrà entrare il vigore il 1 gennaio 2014.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.