SFEF

2012/9

Corte di Cassazione, Sez. Tributaria, sentenza n. 5845/2011: estensione dell’imposta sostitutiva sui finanziamenti agli intermediari finanziari di cui all’art. 107 TULB


Nella sentenza in commento la Suprema Corte per la prima volta – ed in controtendenza ad orientamento consolidato in senso contrario – afferma l’applicabilità agli intermediari finanziari iscritti nell’elenco speciale di cui all’art. 107 del D.Lgs. n. 385/1993 (Testo Unico delle Leggi Bancarie - TULB) dell’imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui agli art. 15 e seguenti D.P.R. n. 601/1973, con particolare riguardo ai finanziamenti agevolati di cui all’art. 47 TUB. Pur apprezzandosi la ricostruzione dell’evoluzione storica della normativa bancaria – sulla cui base viene effettuata un’interpretazione evolutiva dell’art. 15 D.P.R. n. 601/1973 – ed in generale la chiarezza dell’iter logico-giuridico seguito dal redattore della sentenza, appare comunque opportuno che l’estensione del presupposto soggettivo dell’imposta sostitutiva sui finanziamenti (in primis agli intermediari di cui all’art. 107 TULB – o meglio, a seguito delle modifiche operate con D.Lgs. 141/2010, di cui al titolo V del TULB) sia operata mediante espressa modifica normativa.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.