SFEF

2012/8

Abuso del diritto ed elusione ex art. 37 bis d.p.r. n. 600 del 1973 alla prova del principio di legalità in materia penale.


Con la sentenza n. 7739 del 28 diritto ed elusione febbraio 2012 la Corte di cassazione affronta, in maniera diretta ed esplicita, il tema della rilevanza penale dell’elusione, ammettendo che essa possa configurarsi solo a condizione che vi sia una norma che specificamente dichiari fiscalmente elusiva una determinata condotta. La sentenza è molto significativa perché affronta i principali snodi interpretativi del problema della rilevanza penale dell’elusione, prende posizione su ciascuno di essi, ma non è soddisfacente né conclusiva. Anzi, la diversa soluzione individuata per le simili ipotesi di abuso del diritto e elusione ex art. 37 bis lascia trasparire l’incongruenza e la debolezza dell’impianto argomentativo. La sentenza non è dunque un punto fermo, ma un punto di partenza per affrontare un problema operativo che, anche alla luce dei “chiari di luna” su elusione e abuso del diritto della giurisprudenza tributaria, diventa sempre più rilevante e delicato.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.