SFEF

2012/8

Le indicazioni della prassi amministrativa nazionale sul regime impositivo dei fondi immobiliari chiusi: tra profili ricostruttivi della disciplina fiscale e questioni di compatibilità comunitaria


La produzione legislativa degli ultimi anni sul tema dei fondi immobiliari italiani, avuto specifico riguardo alle modifiche apportate con decreto legge 13 maggio 2011 (c.d. Decreto Sviluppo), è improntata alla realizzazione di un sistema di tassazione adatto a caratterizzare la costituzione e l’utilizzo di tali fondi più come uno strumento d’investimento che di pianificazione fiscale. Il ricorso al meccanismo del doppio regime di tassazione del reddito dei percipienti, secondo lo “status” e le quote da essi possedute, e la propensione per un uso istituzionalizzato dei fondi immobiliari, contrapposto al trattamento fiscale dei fondi diversi improntato al criterio della trasparenza, sono alcuni degli argomenti oggetto della recente circolare 2/E del 2012. Si evidenziano nel presente commento i profili applicativi e gli aspetti incerti delle disposizioni sui fondi immobiliari chiusi secondo lo schema generale di riferimento offerto dalla richiamata prassi amministrativa.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.