SFEF

2012/8

L’applicazione delle regole dello IAS 39 all’acquisizione dei crediti


Il mutamento delle condizioni di mercato verificatosi nel corso degli ultimi anni, oltre ad aver dato impulso ad operazioni di acquisto e cessione di crediti, ha anche comportato modifiche nei portafogli oggetto di cessione. Nel nuovo contesto di mercato le banche hanno utilizzato lo strumento della cessione di “portafogli crediti” al fine di razionalizzare i relativi non-core asset o per dismettere portafogli crediti non performing e finanziare l’origination di nuovi operazioni. Questo articolo affronta la rilevazione iniziale, la classificazione e la valutazione successiva dei “Loans” acquistati individualmente o come parte di una business combination in un bilancio redatto in base agli IFRS. Le operazioni che hanno come oggetto i finanziamenti e i crediti possono comportare complesse problematiche contabili con riferimento in particolare ai seguenti aspetti:

- l’importo da rilevare alla data di acquisto. Tale valore deve tener conto del prezzo associato alla transazione, nonché degli elementi previsti nel processo di determinazione del fair value;

- la valutazione successiva. I finanziamenti e i crediti, in particolare, devono essere valutati al costo ammortizzato utilizzando il criterio dell’interesse effettivo;

- il trattamento di eventuali impegni a erogare finanziamenti o indennizzi/garanzie ricevute in relazione all'acquisizione.

Il termine finanziamento o credito utilizzato in questa pubblicazione si riferisce ad un’attività finanziaria non quotata che prevede flussi di pagamenti fissi o determinabili (IAS 39).

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.