SFEF

2012/8

Risoluzione del 29 novembre 2011 n. 114/E dell’Agenzia delle entrate: il regime di esenzione IVA si applica anche se la gestione amministrativa e contabile di un fondo pensione è fornita da un soggetto esterno.


La Corte di giustizia dell’Unione europea, con la sentenza del 4 maggio 2006 (C-169/04), ha statuito  che il regime di esenzione IVA per la gestione di fondi comuni di investimento previsto dalla sesta direttiva IVA (art. 13, parte B, lett. d, punto 6, direttiva 77/388/CEE) si applica anche ai servizi di gestione amministrativa e contabile di tali fondi forniti da un gestore esterno, qualora essi formino un insieme distinto, valutato globalmente, e siano specifici ed essenziali per la gestione dei fondi comuni. Vista la sostanziale equiparazione ai fini IVA della gestione dei fondi pensione alla gestione dei fondi comuni di investimento, con la risoluzione n. 114/E del 29 novembre 2011 l’Agenzia delle entrate ha chiarito che i predetti principi sanciti dai giudici comunitari per la gestione dei fondi comuni possono essere presi a riferimento anche per definire la gestione dei fondi pensione e, per l’effetto, il regime di esenzione IVA deve essere riconosciuto anche in relazione ai servizi di gestione amministrativa e contabile di un fondo pensione forniti da un soggetto esterno, qualora tali servizi formino un insieme distinto, valutato globalmente, e siano specifici ed essenziali per la gestione del fondo pensione.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.