SFEF

2011/2

Le polizze index linked al vaglio della giurisprudenza


La recente sentenza del Tribunale di Parma dell'11 giugno 2010 (depositata il 10 agosto 2010) ha destato giustamente molto interesse, non solo tra gli specialisti, essendosi occupata di prodotti di sempre più ampio utilizzo, le polizze vita c.d. index linked (note anche come uno dei più diffusi "beni" che hanno costituito oggetto di emersione in occasione delle diverse edizioni del c.d. scudo fiscale). In particolare, il tema della soggezione di tali polizze a procedure esecutive è stato sviluppato in dottrina [Volpe Putzolu, 1985, “L’assicurazione” in Trattato dir. priv. Utet, pag. 106; Polotti Di Zumaglia , 2001, “L’assicurazione sulla vita” in Cottino -Cagnasco-Irrera “L’assicurazione: l’impresa ed il contratto” in Trattato dir. Comm. Cedam, pag. 28; G eggero , 2006, “Pignoramento e sequestro del credito verso l’assicuratore sulla vita” in AA.VV. Le assicurazioni private Utet, p. 2968; Donati , Trattato del diritto delle assicurazioni private , Giuffrè, pag. 641] e la giurisprudenza si è espressa su tale argomento più volte, sia a livello di merito che di legittimità. Il presente contributo intende fornire un primo commento alla sentenza del Tribunale di Parma (a cura del prof. Raoul Pisani) e un successivo breve excursus degli indirizzi della giurisprudenza di legittimità e di merito sul tema (a cura dell’avv. Alessandro Accinni).

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.