SFEF

2012/7

Le lobbies dei derivati all’attacco delle nuove regole U.S.A. sui commodities derivatives


Il 2 dicembre 2011, due tra le maggiori associazioni dei derivati (ISDA e Sifma) hanno impugnato il nuovo regolamento della Commodity Future Trading Commission del 18 ottobre 2011 che stabilisce restrizioni quantitative sulle posizioni relative a derivati su merci. L’azione intrapresa è sintomatica delle resistenze delle lobbies dei derivati a qualsiasi tipo di regolamentazione. Tuttavia, occorre segnalare il rischio che una regolamentazione eccessiva o mal ponderata sia controproducente rispetto agli obiettivi fissati dal legislatore. Il presente commento analizzerà i motivi di ricorso dell’azione intrapresa e il nuovo quadro normativo relativo ai derivati su merci. Infine, si svolgeranno alcune valutazioni sull’eventuale fondatezza del ricorso e sulle possibili conseguenze del suo accoglimento.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.