SFEF

2011/3

Scelte di fondo e criticità nel sistema impositivo degli strumenti finanziari


In diritto tributario, la disciplina degli strumenti finanziari è, come noto, incentrata sulla distinzione "titoli di debito", "titoli partecipativi". Dal punto di vista del diritto commerciale questa distinzione non è particolarmente netta perché disciplina degli strumenti finanziari lascia ampio spazio per la configurazione di titoli ibridi. Sono quindi molteplici i caratteri che il legislatore avrebbe potuto scegliere per operare la distinzione. La scelta concretamente effettuata è tuttavia basata su un duplice criterio: la partecipazione al capitale sociale per i titoli azionari e le modalità di remunerazione per i titoli assimilati alle azioni. L'impiego di questo duplice criterio conduce, in taluni casi, a risultati asistematici. Ferma restando l'esigenza di un intervento legislativo, l'articolo evidenzia le più evidenti fra tali incongruenze e, al tempo stesso, la possibilità di pervenire a un'interpretazione correttiva.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.

Indice

Archivio della rivista