SFEF

2010/1

Sul giudizio di equità del valore di un derivato: aspetti tecnici, un caso di studio


In questo lavoro si studia, dal punto di vista dell’analisi finanziaria, il problema di come giudicare l’equità del valore di uno strumento finanziario derivato. Si considera, in particolare, il derivato del tipo collar swap a lungo termine, che rappresenta una categoria di derivati che è stata oggetto, in questi ultimi anni, di numerose operazioni di finanza derivata da parte di enti locali italiani [per considerazioni e commenti sui derivati nella finanza pubblica italiana vedi A. Monorchio, C. D. Mottura, (2010) “Derivati e finanza pubblica italiana”, Economia italiana (in corso di pubblicazione)]; e si fa riferimento al valore iniziale del derivato come risultante dal corrispondente contratto sottoscritto tra le parti.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.

Indice

Archivio della rivista