SFEF

2012/6

Il trasferimento degli strumenti finanziari: il caso dei derivati OTC. Verso una maggiore regolamentazione  della finanza internazionale


Il trasferimento degli strumenti finanziari è il meccanismo principale del funzionamento della finanza internazionale. Gli interventi legislativi degli ultimi anni sono stati nel segno di una maggiore trasparenza delle transazioni, della previsione di codici di condotta per gli operatori e di una migliore distribuzione del rischio.#Il presente lavoro tenta di fornire un quadro sintetico dei problemi inerenti al trasferimento degli strumenti finanziari, delle soluzioni che sono state adottate nonché delle prospettive di ulteriori riforme dei mercati finanziari internazionali, soprattutto a seguito della crisi internazionale finanziaria del 2007-2008.#In particolare, l’analisi si concentrerà sul settore dei contratti derivati negoziati fuori dai mercati regolamentati, cd. “over-the-counter” (OTC), che sono stati ritenuti tra i responsabili della crisi finanziaria del 2007-2008.#Le proposte di riforma finora presentate seguono due linee-guida: estendere l’obbligo di far passare il trasferimento dei contratti derivati OTC attraverso stanze di compensazione (cd. “clearing house”) e registrare ogni transazione effettuata.#Infine, verranno analizzate le proposte di riforma che possono avere effetti sul trasferimento dei derivati OTC. In particolare, si farà riferimento alla proposta di regolamento relativa alle limitazioni al cd. “short selling” ed alla proposta di direttiva circa l’introduzione di una moderna “Tobin Tax” sulle transazioni finanziarie.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.

Indice

Archivio della rivista