SFEF

2016/24

L’antieconomicità dei comportamenti aziendali


La Cassazione ha – di fatto – inserito nel nostro ordinamento tributario il principio dell’economicità delle scelte imprenditoriali. La sproporzione del costo dedotto dall’impresa rispetto al valore normale di cui all’art. 9 del TUIR appare come un logico indizio attestante l’antieconomicità dell’operazione. Secondo la giurisprudenza di legittimità, dinnanzi a condotte contrarie ai canoni dell’economia, seppur in presenza di una contabilità regolarmente tenuta, l’Amministrazione finanziaria è legittimata a procedere con accertamento induttivo del reddito d’impresa. Ciò che ne segue è un’inversione dell’onere della prova, facendo ricadere sul contribuente l’onere di dimostrare l’inerenza delle proprie operazioni con l’attività svolta.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.