SFEF

2016/25

Interessi passivi transnazionali: criticità e sviluppi


La circolare n. 6/E del 30 marzo 2016 offre lo spunto per analizzare l’evoluzione delle contestazioni mosse dall’Agenzia delle Entrate alla deducibilità degli interessi passivi su finanziamenti cross-border, sovente oggetto di contestazione specie nell’ambito di operazioni di Leveraged Buy-Out (“LBO”). In tale contesto, gli accertamenti nei confronti del contribuente residente si fondano tradizionalmente sul difetto di inerenza degli interessi passivi e sull’applicazione delle Linee Guida OCSE in materia di Transfer Pricing . Tale trend sembra destinato a cambiare: con la circolare in parola l’Amministrazione finanziaria introduce un nuovo argomento su cui fondare gli accertamenti: la ricaratterizzazione dei finanziamenti soci in conferimenti di capitale, al ricorrere di alcuni indici soggettivi.

Davide Attilio Rossetti è componente del Gruppo di Studio Enrico Gustarelli per la fiscalità di impresa dell’Università Bocconi e partner di Morri Rossetti e Associati – Studio legale e tributario.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.