SFEF

2017/30

Trasferimento della partecipazione di controllo dalla branch italiana alla casa madre estera: la prosecuzione del consolidato fiscale nazionale


L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 25/E del 2 marzo 2017, ha fornito un interessante chiarimento in tema di consolidato fiscale nazionale, alla luce delle modifiche che a tale istituto sono state apportate dall’art. 6 del Decreto internazionalizzazione. Difatti, con il citato documento di prassi, è stato affermato che il trasferimento della partecipazione di controllo dalla branch italiana alla casa madre estera non osta alla prosecuzione del consolidato fiscale nazionale.

Nel presente contributo, dopo aver brevemente analizzato le modifiche apportate all’istituto del consolidato fiscale dal Decreto internazionalizzazione, si sottolineerà l’importanza del chiarimento fornito dalla Risoluzione n. 25/E del 2017, anche in relazione alle novità introdotte dal citato Decreto internazionalizzazione in tema di determinazione del reddito delle stabili organizzazioni di società ed enti non residenti.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.