SFEF

2017/31

La documentazione necessaria per l’applicazione di esenzioni e sgravi a favore dei non residenti


Uno degli aspetti critici del ruolo di sostituto o responsabile d’imposta assolto dagli intermediari finanziari italiani è costituito dall’acquisizione della documentazione (spesso in forma di autocertificazione) idonea a documentare che gli investitori non residenti possiedono i requisiti per beneficiare di eventuali riduzioni o esenzioni d’imposta in Italia.

È responsabilità dell’intermediario raccogliere la documentazione sufficiente a consentirgli di astenersi dall’operare in tutto o in parte le ritenute e le imposte sostitutive sui proventi corrisposti a non residenti. È quindi normale che l’intermediario aspiri ad operare in un ambiente normativo che garantisca certezza e si doti di procedure che limitino al minimo il rischio di inadempimenti.

L’Amministrazione finanziaria ha da tempo ribadito che i sostituti d’imposta non hanno alcun obbligo di verificare l’effettiva sussistenza o meno dei requisiti richiesti una volta che abbiano acquisito la documentazione necessaria.

Oggi, però, non tutti gli intermediari ritengono che l’autocertificazione del cliente li liberi da qualsiasi responsabilità. Infatti, rispetto all’epoca in cui fu emanata la prassi citata, il coinvolgimento degli intermediari è molto aumentato: la normativa antiriciclaggio impone loro obblighi di adeguata verifica della clientela; la disciplina dello scambio automatico d’informazioni prevede regole molto dettagliate per individuare l’effettiva residenza fiscale del cliente; ma soprattutto la circolare della Banca d’Italia 263 del 2006 dà per scontato che la banca sia dotata di procedure volte alla prevenzione dei rischi derivanti dal coinvolgimento in operazioni fiscalmente irregolari poste in essere dalla clientela.

Pertanto, in quanto campo come in altri, sorgono spesso conflitti con la clientela che pretende che l’intermediario – che è personalmente responsabile delle violazioni commesse nel suo ruolo di responsabile o sostituto d’imposta – si astenga dall’operare ritenute od imposte sostitutiva, anche in situazione in cui l’intermediario stesso ha fondato motivo di ritenere che l’autocertificazione del cliente non sia veritiera.

Può quindi essere utile, provare a fare il punto sulla complessa materia, traendo spunto da una recente risposta ad un interpello sullo specifico caso dei proventi corrisposti da fondi immobiliari italiani ad investitori istituzionali non residenti.

La legge e la prassi individuano, caso per caso, contenuto, modalità, tempistica di produzione all’intermediario e validità della documentazione. 

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.