News

07/07/2014

Soppressione della ritenuta sui redditi degli investimenti esteri e compilazione del quadro RW


La circolare dell’Agenzia delle entrate n. 19/E del 27-6-2014, oltre a trattare la materia dell’aumento dell’aliquota di tassazione dei redditi di capitale e diversi, si è occupata di fornire istruzioni in relazione alla ritenuta d’acconto su specifiche forme di reddito di capitale e diversi, rivenienti da investimenti esteri o da attività estere di natura finanziaria, introdotta dalla L. 6-8-2013 n. 97, prima sospesa e rinviata al 1° luglio 2014, e successivamente abrogata in via definitiva (art. 4, comma 2 D.L. 66/2014 convertito dalla L. 89/2014).
La soppressione della predetta norma, a parere dell’Agenzia, produce effetti con riferimento alla compilazione del quadro RW e alla segnalazione, ai fini del monitoraggio fiscale, da parte degli intermediari. Infatti, l’esonero dalla compilazione del modello RW spetta al contribuente nei seguenti casi:
- quando le attività finanziarie detenute all’estero sono state affidate in gestione od amministrazione ad intermediari residenti;
- quando i redditi delle attività finanziarie detenute all’estero siano riscossi per il tramite di intermediari residenti.
Inoltre, in entrambe le situazioni suddette, è indispensabile che i redditi percepiti dal contribuente, dietro suo specifico incarico o sulla base di norme che individuino un determinato sostituto d’imposta, siano stati assoggettati ad imposta sostitutiva in regime amministrato o gestito oppure a una delle ritenute o imposte sostitutive previste dal DPR 600/73 o da altre disposizioni di legge.
L’Agenzia sottolinea poi che, anche in presenza di attività finanziarie che non sono state produttive di reddito, spetta l’esonero dalla compilazione del quadro RW a condizione che si tratti di beni affidati in gestione od amministrazione ad un intermediario residente che ha il compito di occuparsi dei flussi legati agli investimenti, ai disinvestimenti e al pagamento di eventuali redditi esteri. In sostanza l’Amministrazione finanziaria ha voluto precisare che il quadro RW può non essere compilato anche in assenza di ritenute applicate dall’intermediario: essenziale è comunque che le attività finanziarie estere siano tenute sotto stretto controllo da un sostituto d’imposta residente, il quale procederà ad effettuare le necessarie segnalazioni nel modello di dichiarazione dei sostituti d’imposta (mod. 770 ordinario), ad esempio, in caso di chiusura del rapporto con il contribuente oppure di fuoriuscita delle attività finanziarie dal sistema degli intermediari residenti.