News

15/11/2013

Deducibilità dell’imposta di bollo nel regime di risparmio gestito


Nella risoluzione n. 76 del 6 novembre l’Agenzia delle Entrate chiarisce che la imposta di bollo sui rendiconti del servizio di gestione inviati alla clientela è deducibile dal risultato maturato della gestione, per la quale sia stata esercitata la opzione di cui all’art. 7 DLGS 461/97 (cd. risparmio gestito), in quanto rappresenta un onere inerente. La risoluzione, dopo aver descritto le caratteristiche e la disciplina fiscale dei regimi di risparmio gestito e amministrato, afferma che i rendiconti di gestione inviati alla clientela nell’ambito del risparmio gestito rientrano tra le comunicazioni alla clientela relative a prodotti finanziari, di cui all’art. 13, comma 2-ter della Tariffa parte I Allegata al DPR 642/72, e sono pertanto soggetti a imposta di bollo nella misura proporzionale prevista da questa norma. Qualora il destinatario non rientri nella nozione di “clientela” in quanto si tratta, ad esempio, di un intermediario finanziario, la imposta di bollo è applicata nella misura fissa di 2 euro. Non sono deducibili dal risultato della gestione né la imposta di bollo cd. speciale sulle attività finanziarie oggetto di emersione né la imposta sulle transazioni finanziarie.