News

19/11/2019

Deducibili i costi sostenuti da una banca per coprire investimenti a rischio: la pronuncia della Corte Suprema


Con la sentenza n. 28355 del 5 novembre 2019 la Corte di Cassazione ha sancito la piena deducibilità dei costi sostenuti da una banca per coprire investimenti a rischio e, segnatamente, dei costi da transazione della banca con la clientela per prevenire controversie in ordine agli investimenti in bond argentini e obbligazioni Cirio.

Nel caso di specie, l’Ufficio aveva contestato la indeducibilità dei costi sostenuti dalla banca ricorrente in relazione alle transazioni su cause di risarcimento “avanzate dai clienti” che “trovavano innesto nell’illecito comportamento dell’istituto bancario che avrebbe omesso l’osservanza delle regole di condotta previste per i contratti di investimento proposti ai suddetti clienti”.

Ebbene, secondo la Suprema Corte, in presenza di transazioni stipulate dalla banca con i clienti per prevenire l’instaurazione di un contenzioso fondato sulla dedotta violazione da parte dei funzionari degli obblighi informativi per la conclusione di contratti di investimento aventi ad oggetto obbligazioni, le spese sostenute dalla banca per coprire tali costi costituiscono risarcimento del danno, e sono pienamente deducibili dal soggetto che ha effettuato i pagamenti delle relative transazioni, trattandosi di spese attinenti al corretto svolgimento dell’attività di impresa, a titolo di responsabilità precontrattuale o contrattuale e, dunque, inerenti ai sensi dell’art. 109, Tuir, e, dunque, deducibili come sopravvenienza passiva nell’esercizio in cui interviene la relativa spesa.

In proposito, la Suprema Corte ha voluto oltremodo sottolineare che le spese per contenere possibili contratti a rischio devono essere deducibili visto che la giurisprudenza è arrivata a giustificare la deducibilità dei costi delle operazioni soggettivamente inesistenti (inserite o meno in una frode carosello) per il solo fatto che siano stati sostenuti, anche nel caso in cui l'acquirente sia consapevole del carattere fraudolento delle operazioni medesime.

banche2