News

22/01/2020

La legge di Bilancio 2020 reintroduce l’ACE


La legge di Bilancio del 2020 (L. 160/2019) ha ripristinato l’ACE ed abrogato la c.d mini-IRES, introdotta con il Decreto crescita.

In particolare, il comma 287 dell’art. 1 della predetta legge ha ripristinato l’ACE dal periodo d’imposta successivo al 31 dicembre 2018 e fissato l’aliquota all’1,3% per il calcolo del rendimento nozionale del nuovo capitale.

Tale disciplina, introdotta nel 2011al fine di incentivare la patrimonializzazione delle imprese ed abrogata con Legge di bilancio 2018, viene ripristinata attraverso la previsione dell’abrogazione delle disposizioni che avevano soppresso l’applicazione dell’ACE. Si assiste, dunque, ad una reviviscenza delle disposizioni di cui agli artt.1 del D.l. n. 201 del 2011 e 1, commi da 549 a 552, della legge n. 232 del 2016.

Come è noto, la disciplina in esame consente ai soggetti IRES ed IRPEF di dedurre dal reddito imponibile parte dell’incremento di capitale moltiplicato per un coefficiente di volta in volta fissato annualmente.

La base di calcolo dell’ACE è rappresentata dall’incremento patrimoniale, derivante dal confronto tra la sommatoria dei componenti che hanno influito positivamente e negativamente sul capitale e il patrimonio netto contabile risultante dal bilancio di esercizio.

Dalla formulazione della Legge di Bilancio emerge che la disciplina dell’ACE ha effetto retroattivo e consente, dunque, di prendere in considerazione tutti gli incrementi di capitale effettuati dal 2011 al 2018, nonché eventuali eccedenze di deduzione non utilizzate sino al 2018.

Anche per la nuova ACE, inoltre, vale la regola della riportabilità a nuovo delle deduzioni che eccedono il reddito complessivo netto e della trasferibilità delle eccedenze al consolidato fiscale.

Inoltre, il legislatore nell’art. 1, comma 287, lett.a) della Legge di Bilancio 2020 ha disposto l’abrogazione dei commi da 1 a 8 dell’art. 2 del Decreto Crescita, eliminando così, ancora prima che entrasse in vigore, la c.d mini-IRES, che prevedeva una tassazione agevolata degli utili reinvestiti.

 

SGR