In primo piano

Il 1° gennaio 2019 è entrato in vigore l’International Financial Reporting Standard n. 16 (IFRS 16), dedicato alla regolamentazione dell’operazione di leasing nonché al trattamento contabile della stessa nei bilanci delle imprese che adottano i principi contabili internazionali. Tale principio – sostitutivo dell’International Accounting Standard n. 17 (IAS 17) – è stato approvato nel gennaio del 2016 a valle di un lungo percorso volto a individuare una soluzione tecnica atta a migliorare la qualità complessiva dell’informativa di bilancio e dunque a soddisfare le richieste ...
okprincipi contabili
 La stabile organizzazione in Italia di una società non residente può essere oggetto di un conferimento in una società italiana op­pure in una società non residente. Il trasferimento delle attività della stabile organizzazione avviene in neutralità fiscale se le attività confluiscono nel bilancio della società italiana conferi­taria o di una stabile organizzazione in Italia (già esistente o di nuova istituzione) della conferitaria non residente. Eventuali residui beni della stabile organizzazione oggetto del conferimen­to trasferiti alla casa madre o ad altre stabili organizzazioni ...
stabile org

21/01/2019

IPERAMMORTAMENTO E LEGGE DI BILANCIO 2019

Modifiche all'agevolazione


La Legge di Bilancio per il 2019 (l. n. 145 del 2018) ha modificato la struttura dell’agevolazione per tutti i titolari di reddito d’impresa che decidano di beneficiare del c.d. iperammortamento. Difatti, per tutti gli investimenti nei beni elencati nell’Allegato A della Legge di Bilancio 2017, effettuati entro il 31 dicembre 2019, ovvero entro il 31 dicembre 2020, a condizione che entro il 31 dicembre 2019 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia stato pagato un acconto pari ad almeno il 20% del costo di acquisizione, l’iperammortamento sarà modulato in base all’importo ...
iper ammortamento
Fintech L'attività degli intermediari bancari e finanziari si è costantemente trasformata nel tempo, per effetto dei cambiamenti intervenuti nella società e dell'innovazione tecnologica. Nell'ultimo decennio, per l'impatto combinato della crisi di fiducia che ha riguardato gli intermediari tradizionali e della impetuosa trasformazione digitale delle attività economiche, il cambiamento procede con un ritmo sconosciuto rispetto al passato, tanto da favorire una rapida obsolescenza delle norme in vigore, unita alla necessità di prevedere nuove regole per affrontare fenomeni del tutto nuovi. ...
FinTech-Finanza-Tecnologia-3-Imc-e1491578110870
Da alcuni anni l’offerta assicurativa del ramo vita si caratterizza per una forte componente finanziaria intesa come parte costitutiva del contratto assicurativo. Quest’ultimo è vista come un prodotto di investimento volto a costituire un capitale investendo lucrativamente il premio versato. In passato le Compagnie erano solite offrire rendimenti minimi o specifiche garanzie finanziarie circa questo processo di investimento. Da alcuni anni, per effetto dell’incremento della volatilità dei rendimenti delle attività finanziarie e dell’abbassamento dei tassi di interesse privi e a basso ...
polizze

11/05/2018

PIR, la Circolare Ade 3/E del 26 febbraio 2018

di Giuseppe Corasaniti


  A seguito della pubblicazione dei primi chiarimenti (di seguito “Linee Guida”) sullo speciale regime fiscale per i “piani di risparmio a lungo termine” (c.d. “PIR”), il 4 ottobre scorso, da parte del Dipartimento delle Finanze del MEF, l’Agenzia delle entrate ha fornito alcuni chiarimenti in merito a tale istituto, introdotto ad opera della Legge di Bilancio per il 2017 (Legge 11 dicembre 2016, n. 232, art. 1, commi da 100 a 114), con la recente Circolare n. 3/E del 26 febbraio 2018. Al riguardo, si ricorda anzitutto, in termini generali, che la disciplina sui PIR contempla, per ...
PIR
C’è un tipo di innovazione finanziaria che serve solo a chi l’inventa, ma c’è anche un’innovazione finanziaria che serve all’economia reale. I PIR, i piani di risparmio di lungo termine, approvati con la Legge di Bilancio (Legge 11 dicembre 2016, n. 232, art. 1, commi 100-114), rientrano in quest’ultima categoria e il loro successo è intrinseco nella loro denominazione, sono strumenti di investimento di lungo termine. La finanza ha bisogno di lungo termine per supportare la crescita delle imprese e i progetti degli individui. Il lungo termine consente di allineare gli interessi ...
PIR

14/12/2017

Giuseppe Corasaniti

Un forte e ulteriore impulso alla diffusione dei PIR

Le linee guida del MEF


Il Dipartimento delle Finanze del MEF ha pubblicato lo scorso 4 ottobre i primi chiarimenti sullo speciale regime fiscale per i “piani di risparmio a lungo termine- PIR”. Per effetto della legge di bilancio per il 2017, il Legislatore tributario ha introdotto, per la prima volta, dopo numerosi tentativi normativi falliti, per le persone fisiche residenti una esenzione generalizzata sia dalle imposte sui redditi (di capitale e diversi) derivanti dagli strumenti finanziari e dalla liquidità che formano il PIR sia dall’imposta di successione relativa agli strumenti finanziari contenuti nel ...
PIR
In data 5 dicembre 2017 l’Unione Europea ha approvato la prima “lista nera” contente diciassette giurisdizioni considerate quali “Paradisi fiscali”. Tale lista, secondo quanto si apprende dai primi chiarimenti forniti dagli organi comunitari, è stata redatta sulla base di tre requisiti: i) trasparenza fiscale; ii) tassazione equilibrata; iii) applicazione delle norme Ocse sul trasferimento dei profitti da una giurisdizione all’altra. Le giurisdizioni inserite in tale lista sono le seguenti: Tunisia, Corea del Sud, Emirati Arabi Uniti, American Samoa, Bahrain, Barbados, Grenada, Guam, ...
paradisi-fiscali
Mentre per gli stranieri non residenti è stato ormai cancellato, il segreto bancario si avvia ora a rimanere per gli svizzeri e per gli stranieri residenti nella Confederazione. Il Consiglio federale (Governo) elvetico ha, infatti, da poco abbandonato il progetto di revisione del diritto penale fiscale che prevedeva appunto di fatto la caduta del segreto bancario anche sul piano interno. Lo scenario che si delinea adesso per la Svizzera è dunque quello della permanenza di una sorta di doppio binario, con lo scambio automatico di informazioni ormai in vigore per i clienti non residenti delle ...
SEGRETO BANCARIO