In primo piano

01/07/2021

LA UIF PUBBLICA IL 16° DEI “QUADERNI DELL’ ANTIRICICLAGGIO”

Quaderni dell’Antiriciclaggio – Casistiche di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo


In data 17 giugno 2021, l’Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia ha pubblicato il n. 16 dei “Quaderni dell’Antiriciclaggio – Casistiche di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo”, volti a fornire dati statistici, studi e documentazione concernente aspetti di rilievo per i compiti istituzionali dell’Unità e a garantire la conoscenza, ai destinatari degli obblighi di collaborazione attiva, in merito a taluni dei fenomeni più recenti individuati attraverso segnalazioni di operazioni sospette, accertamenti ispettivi, scambi di informazioni con le Financial Intelligence Unit estere o evidenziati mediante l’analisi incrociata delle basi dati disponibili.

All’interno del Quaderno n. 16, ciascuno dei casi individuati è trattato mediante un’illustrazione preliminare dei profili caratteristici della fattispecie, unitamente alle osservazioni effettuate dall’UIF a seguito degli opportuni approfondimenti eseguiti. Ogni caso oggetto di analisi, esposto nel rispetto della piena riservatezza, è analizzato in modo approfondito con l’indicazione, quando possibile, dell’ipotesi circa la natura dell’attività criminosa sottostante, formulata ad ausilio delle successive indagini, e con il supporto della rappresentazione grafica dei flussi finanziari. Al termine dell’esposizione di ciascun caso, inoltre, l’UIF evidenzia altresì gli indicatori di anomalia ritenuti esemplificativi.

Nel dettaglio, il documento analizza le seguenti fattispecie: i) Autoriciclaggio da peculato tramite attività di gioco; ii) Esercizio abusivo dell’attività di sub-agente assicurativo mediante utilizzo di carte prepagate; iii) Intestazione fittizia di quote societarie acquisite tramite indebito utilizzo di finanziamenti pubblici; iv) Flussi finanziari anomali connessi all’importazione di merci tessili dalla Cina con finalità di evasione di Iva e dazi; v) Riciclaggio dei proventi derivanti dal traffico di sostanze stupefacenti attraverso valute virtuali; vi) Distrazione di fondi pubblici destinati ad attività di accoglienza migranti; vii) Frode fiscale internazionale realizzata attraverso conti di corrispondenza con possibili collegamenti con la criminalità organizzata; viii) Riciclaggio di proventi derivanti da una truffa ai danni dello Stato perpetrata mediante l’utilizzo di modelli F24; ix) Riciclaggio di proventi derivanti da attività corruttiva posta in essere da soggetti collegati alla criminalità organizzata; x) Riciclaggio di proventi di narcotraffico internazionale mediante operazioni di import/export; xi) Riciclaggio in Italia di fondi derivanti da reati di appropriazione indebita e truffa realizzati all’estero; xii) Riciclaggio nel settore dell’oro realizzato da operatore professionale in oro, imprese individuali di compro–oro e altre società estere; xiii) Utilizzo di un trust nell’ambito di uno schema piramidale fraudolento; xiv) Trasferimenti finanziari riconducibili al commercio di autoveicoli usati, eseguiti tra soggetti dediti al traffico di migranti, con possibili connessioni con il finanziamento del terrorismo internazionale.

 

iStock-1131629281