Attualità

19/11/2019

Dal MEF ulteriori 24,2 milioni di euro per la concessione di prestiti

A piccole e medie imprese e famiglie a rischio


Comunicato Stampa N° 208 del 18/11/2019 Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha messo a disposizione ulteriori 24,2 milioni di euro in garanzie statali per facilitare l’accesso al credito di imprese e famiglie a “rischio usura”. L’importo verrà erogato entro la fine dell’anno attraverso il Fondo per la prevenzione del fenomeno dell’usura (istituito dalla legge 108 del 1996 presso il MEF) a 122 “Enti gestori”: 89 Confidi (consorzi di PMI), che riceveranno circa 17 milioni di euro e 33 Associazioni e Fondazioni impegnate nella lotta all’usura, che riceveranno circa ...
MEF330
Con la sentenza n. 29179, depositata il 12 novembre, la Corte di Cassazione ha chiarito che, in tema di deducibilità dei costi ai fini fiscali, vanno esclusi dai componenti negativi del reddito d’impresa gli accantonamenti per la copertura del rischio inerente il contratto denominato “interest rate swap”, quando la società non operi nel settore creditizio o finanziario, perché manca il requisito dell’inerenza dei costi all’attività d’impresa, richiesto dall’art. 109 del D.P.R. n. 917 del 1986.             Nel caso di specie, una società produttrice di beni, segnatamente ...
INTEREST RATE SWAP
Con la sentenza C-255/18 del 14 novembre 2019, la Corte di giustizia europea ha avuto modo di chiarire l’interpretazione dell’art. 12 del Regolamento UE 2015/63, in materia di contributo al fondo di risoluzione nazionale. Ed Invero, gli enti creditizi hanno l’obbligo di contribuire al finanziamento dei meccanismi nazionali istituiti in tutti gli Stati membri per sostenere i costi del risanamento e della risoluzione del settore finanziario.             Orbene, l’occasione è stata fornita dal rinvio pregiudiziale presentato dal Tar del Lazio, in relazione al ricorso presentato ...
M A ok2
La SVP facente parte di un Gruppo Iva è responsabile solidalmente con la Capogruppo per le imposte, interessi e sanzioni riferibili ai patrimoni separati.               Con la risposta ad interpello n. 487 del 15 novembre 2019 l’Agenzia delle entrate ha avuto modo di chiarire l’interpretazione del comma 2 dell’art. 70-octies del D.P.R. n. 633, che prevede la responsabilità dei partecipanti ad un Gruppo Iva, in solido con il rappresentante, per le somme che risultano dovute a titolo d’imposta, interessi e sanzioni a seguito dell’attività di liquidazione e controllo, con ...
Gruppo iva
Con la Risposta ad interpello n. 402 del 9 ottobre 2019, l’Agenzia delle entrate ha fornito taluni chiarimenti in merito all’eventualità in cui un credito Iva sia oggetto di cessione nel contesto di un’operazione di conferimento di ramo d’azienda. Più precisamente, la società istante – conferente – riteneva che, ai fini dell’efficacia del trasferimento ad una società – conferitaria – di nuova costituzione del credito Iva annuale relativo all’anno 2018 e del credito Iva maturato trimestralmente nell’anno 2019, fosse sufficiente l’atto di conferimento di ramo d’azienda, ...
crediti IVA
Nel corso del Consiglio Ecofin, tenutosi in Lussemburgo lo scorso 10 ottobre, sono state adottate talune modifiche di rilievo con riguardo alla lista UE delle giurisdizioni non cooperative ai fini fiscali, dalla quale sono stati eliminati sia gli Emirati Arabi Uniti sia le Isole Marshall. Più precisamente, come chiarito nel Comunicato stampa rilasciato dal Consiglio, entrambi i Paesi hanno approvato le riforme necessarie per onorare gli impegni assunti al fine di migliorare il loro quadro politico in materia fiscale, introducendo requisiti relativi all’attività economica effettiva. Tuttavia, ...
ecofin
 Nel contesto dei lavori svolti nell’ambito del progetto BEPS, il 9 ottobre 2019 l’OCSE ha pubblicato un documento, attualmente in pubblica consultazione sino al 12 novembre 2019, recante la propria proposta ai fini dell’introduzione di una digital tax, che esprime l’intento di adottare un “approccio unificato” volto a consentire un’equa riallocazione dei profitti generati dalle società multinazionali operanti nel settore digitale, allo scopo di addivenire ad una corretta ripartizione della potestà impositiva tra ordinamenti. A tal riguardo, difatti, l’Organizzazione propone ...
Digital tax
Con istanza d’interpello il soggetto istante rappresentava di aver acquistato obbligazioni di una società estera tramite un istituto di credito. Tale società andava in default e veniva quindi approntato un piano di ristrutturazione del debito approvato dalla Corte di giustizia. A fronte delle obbligazioni sottoscritte in origine, all’istante veniva riconosciuto un credito derivante da un “prestito”, convertito in dollari, pari ad una data percentuale del valore nominale dei suddetti titoli, aumentato degli interessi non percepiti. Le condizioni del suddetto prestito prevedevano, a favore ...
ivafe
Con la Risposta ad interpello n. 385 del 18 settembre 2019, l’Agenzia delle entrate ha chiarito un dubbio interpretativo in merito al regime fiscale applicabile ai proventi derivanti dalla partecipazione indiretta a dei fondi di investimento immobiliare italiani da parte di un fondo di investimento lussemburghese (fondo Gamma).             In particolare, la società istante, s.r.l. lussemburghese, indirettamente posseduta dal fondo Gamma e, costituita al fine di detenere la totalità delle quote dei fondi di investimento italiani, chiedeva chiarimenti in merito alla spettanza del ...
Fondi
Con la Risposta ad interpello n. 384 del 17 settembre 2019, l’Agenzia delle entrate ha fornito chiarimenti in merito alla tassazione dei redditi derivanti dalla cessione di titoli azionari ed obbligazionari soggetti a diritto di usufrutto con patto di rotatività.             Nel caso di specie, l’istante ereditava la nuda proprietà di un patrimonio finanziario, composto da titoli azionari e obbligazionari, assoggetto ad usufrutto rotativo e depositato presso un intermediario svizzero. L’istante, con interpello, chiedeva delucidazioni in merito agli obblighi fiscali derivanti ...
Patrimonio