Attualità

Dopo la Corte d’appello (c.d. “Kammergericht”) di Berlino, che con la pronuncia del 25 settembre u.s. ha escluso l’attività di exchanger di bitcoin dalla normativa bancaria tedesca, la Corte d’Appello di Brescia conferma il diniego della Camera di commercio bresciana al riconoscimento della criptovaluta per l’aumento di capitale di una società. La Corte di Brescia, rilevando una “indiscussa la funzione di pagamento», precisa come le cripto(valute) abbiano caratteristiche strutturali di beni mobili con “credenziali di accesso”, eppure utilizzabili per acquisti, pur in un mercato ...
bitcoin4
  Con la sentenza n. 30033 del 21 novembre 2018, la Corte di Cassazione ha chiarito che il requisito della “stabile organizzazione” di un soggetto non residente in Italia deve essere accertato con riferimento a ciascun anno d’imposta, in ragione del fatto che i suoi elementi costitutivi sono suscettibili di mutare nel tempo. Il caso riguardava una Società, con sede in Germania, nei confronti della quale l’Agenzia delle entrate di Bolzano aveva emesso tre avvisi di accertamento, ai fini Irap, Iva ed Irpeg, relativamente agli anni d’imposta 2004, 2005 e 2006, sul presupposto dell’esistenza ...
stabile organizzazione
  Con la Risposta all’interpello n. 74 del 19 novembre 2018, l’Agenzia delle entrate ha fornito alcuni chiarimenti in tema di reddito agevolabile nell’ambito della disciplina del Patent box, a seguito di un’istanza proposta da una S.r.l. La Società, attiva nel campo della progettazione, produzione e commercializzazione di macchine automatiche, nonché della progettazione, dello sviluppo e della commercializzazione dei software necessari per il funzionamento delle suddette macchine, rappresentava di voler optare, a decorrere dall’anno 2016 e limitatamente al solo bene immateriale “software”, ...
patent box
La Suprema Corte di Cassazione con l’Ordinanza, 26 giugno 2018, n. 17156 ha ribadito che i prelevamenti e i versamenti operati sui conti correnti personali di soggetti legati all’imprenditore da rapporti familiari o da particolari rapporti contrattuali possono essere riferiti all’imprenditore-contribuente al fine di determinare i maggiori ricavi non dichiarati, salvo che lo stesso fornisca indicazioni sulle somme prelevate o versate e disponga di proventi diversi o ulteriori rispetto a quelli derivanti dalla gestione dell’attività imprenditoriale. I giudici di legittimità, inoltre, hanno ...
Accertamento
Con il principio di diritto n. 6 del 15 ottobre 2018, l’Agenzia delle entrate ha fornito interessanti osservazioni riguardo al commercio delle c.d. “bare fiscali”, fenomeno che ha condizionato il riporto delle perdite ante fusione al rispetto di determinati parametri qualitativi e quantitativi in capo alle società cui le perdite si riferiscono, tra cui il c.d. “test di vitalità”. Come noto, scopo precipuo del test è di verificare che la società fusa o incorporata non sia stata volutamente depotenziata nel periodo precedente alla fusione. Ebbene, nel caso analizzato dall’Agenzia, ...
START
Nel caso di procedure concorsuali di concordato con continuità “esterna” – nelle quali la continuazione dell’attività aziendale è operata da un terzo e non direttamente dal debitore – le sopravvenienze attive derivanti dallo stralcio dei debiti sono, ai sensi dell’art. 88, co. 4-ter, Tuir, detassate totalmente (alla stregua di quanto avviene nell’ambito dei concordati preventivi liquidatori). Questo l’importante chiarimento fornito dal Ministero dell’Economia e delle Finanze a fronte di un’interrogazione parlamentare. Premesso che l’art. 88, co. 4-ter, Tuir, distingue ...
fallimento
In data 19 settembre 2018 è stato pubblicato il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 215450/2018 con cui è stato approvato il Modello AGI/1 da utilizzare per l’esercizio dell’opzione per la costituzione del Gruppo Iva. Per quanto concerne la prima applicazione del nuovo istituto, se il Modello in argomento viene presentato entro il prossimo 15 novembre 2018, il Gruppo ha efficacia dal 1° gennaio 2019. A regime, invece, se il Modello per l’esercizio dell’opzione o della revoca viene presentato fra il 1° gennaio e il 30 settembre, l’opzione o la revoca hanno ...
iva
La Corte di Cassazione con ordinanza 28 giugno 2018, n. 17128, ha ribadito come non sia sempre elusiva la donazione di un bene immobile ai figli seguita dalla rivendita, in quanto, trattandosi di rapporti patrimoniali tra genitori e figli, assume rilievo preminente il profilo della libertà di pianificazione successoria, nonché la circostanza che nulla impone al contribuente di optare, nell’esercizio della propria attività negoziale, per la soluzione più onerosa sul piano fiscale. La vicenda trae origine dalla notifica di due avvisi di accertamento ai fini Irpef con cui l’Agenzia delle ...
donazione indiretta
Con la sentenza n. 3309/2018, la XVI Sezione della Commissione tributaria provinciale di Milano ha stabilito che il decreto ingiuntivo ottenuto dal creditore per inadempienza contrattuale e consistente nella condanna alla restituzione di parte di una somma versata, a titolo di acconto-prezzo per l’acquisto di una partecipazione, è da tassare con imposta di registro in misura fissa, in ossequio al principio di alternatività registro/Iva, qualora l’atto iniziale abbia ad oggetto la vendita di una partecipazione tra due soggetti Iva, anche se l’operazione è in regime di esenzione dall’imposta ...
IVA
Con sentenza n. 1045/2018, la Commissione tributaria regionale dell’Emilia Romagna ha stabilito che non sussiste una violazione al principio di “specialità” nell’ipotesi di accertamento basato su elementi reperiti nell’ambito di una rogatoria internazionale poiché le limitazioni poste dalle autorità straniere (segnatamente, di San Marino) hanno effetti in ambito penale e non fiscale, non essendovi dunque alcuna disposizione che ne vieta l’uso in sede tributaria. I giudici hanno confermato che le autorità dello Stato estero, nel trasmettere i documenti richiesti dalla Procura della ...
scambio-info