Ricerca

Ordina per: Rilevanza | Il più recente | Il meno recente

Documenti trovati: 18

Le fattispecie criminose di cui agli artt. 3 e 4 del D.Lgs. 74/2000, mod. D.Lgs. 158/2015, presentano ora delle caratteristiche diverse rispetto alle precedenti fattispecie di cui al solo D.Lgs. 74/2000, sicché i nuovi reati fiscali vengono adesso ad avere una differente configurazione e un diverso contenuto da chiarire opportunamente.

Articolo rivista - SFEF - 2019/40

Fusa Emanuela

Falso in bilancio: alcune considerazioni sulle valutazioni estimative


Dalla lettura del bilancio, in presenza naturalmente delle necessarie competenze tecniche, deve potersi apprendere la reale situazione in cui versa l’impresa. In caso contrario il bilancio è sicuramente viziato tuttavia, per potersi ritenere “falso” e quindi oggetto delle correlate conseguenze penali, si deve provare il dolo generico (la rappresentazione del mendacio), il dolo specifico (ingiusto ...

Articolo rivista - SFEF - 2019/40

Caraccioli Ivo

Le novità in tema di indebita compensazione


Con la riforma attuata con D.Lgs. 158/2015 è stato modificato il testo dell’art.10-quater D.Lgs. 74/2000 prevedente il reato di “indebita compensazione” nel senso di distinguere (con diversa pena) l’utilizzazione di “crediti non spettanti” (meno grave) dall’utilizzazione di “crediti inesistenti” (più grave). Trattandosi di reato dal contenuto molto tecnico, che richiede normalmente ...

Articolo rivista - SFEF - 2018/37

Carbone Michele

Antiriciclaggio: cantiere permanente tra luci e ombre


La consapevolezza della pericolosità del riciclaggio dei proventi illeciti e delle sue dimensioni mondiali ha portato, negli ultimi decenni, a molteplici iniziative finalizzate ad elaborare misure di prevenzione e di contrasto sia sul piano internazionale che su quello delle legislazioni interne dei singoli Stati, mutando l’approccio al problema che, in passato, era prevalentemente di tipo repressivo ...
L’entrata in vigore del D. Lgs. n. 158/2015 ha importato modifiche strutturali ai reati tributari di cui al vigente D.Lgs. n. 74/00. Per quanto concerne i reati dichiarativi le maggiori modifiche in punto elemento materiale del reato sono intervenute agli artt. 3 e 4 D. Lgs. n. 74/00, rispettivamente dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici e dichiarazione infedele. Non può essere sottaciuto ...

Articolo rivista - SFEF - 2017/32-33

Cigolini Paola

Il nuovo impianto sanzionatorio in materia antiriciclaggio


Il D. Lgs. n. 90/2017, recante attuazione della Direttiva UE n. 2015/849, ha riformato il D. Lgs. n. 231/2007 in materia antiriciclaggio e di contrasto al finanziamento del terrorismo. Con circolare del 6 luglio 2017, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha fornito alcune indicazioni di carattere operativo agli uffici competenti all’irrogazione delle sanzioni previste nel decreto novellato. ...
Lo scritto esamina il problema dell’applicabilità, o meno, ai reati in materia tributaria (D.Lgs. 74/2000, mod. D.Lgs. 158/2015) della regola di cui all’art. 2639 c.c., specificamente relativa ai reati societari (falso in bilancio ed altro), che prevede tale estensione ai soggetti che, pur senza essere formalmente investiti della qualifica o titolari della funzione prevista dalla legge civile, ...

Articolo rivista - SFEF - 2016/25

Boidi Massimo

Un futuro incerto per il nuovo “falso in bilancio”


La riforma del reato delle false comunicazioni sociali (c.d. falso in bilancio”) ha sviluppato un intenso dibattito sia in dottrina, che in giurisprudenza. Sotto questo aspetto si è reso necessario l’intervento delle SS.UU. della Suprema Corte, ma, come si vedrà, non è assolutamente detto che si sia fatta definitiva chiarezza, dal momento che su molte fattispecie vi sarà sempre molto da discutere. ...

Articolo rivista - SFEF - 2016/25

Valente Piergiorgio

Attuazione delle misure Beps, criticità e prospettive 


Con l’avvio dell’implementazione delle misure BEPS è iniziata l’attività che dovrebbe portare alla riscrittura delle regole di fiscalità internazionale del ventunesimo secolo.#Le misure BEPS devono essere attuate sia a livello dell’ordinamento interno, sia sul piano internazionale convenzionale, in modo coordinato e con la previsione di obblighi di monitoraggio e trasparenza. Un’azione ...

Articolo rivista - SFEF - 2016/24

Caraccioli Ivo

I “modelli di evasione fiscale” e i rischi penali per i professionisti


Il nuovo c.3 dell’art.13-bis D.Lgs.74/2000, introdotto con la riforma del D.Lgs.158/2015, che ha previsto un’aggravante per i reati tributari nel caso di “consulenza fiscale svolta da un professionista o da un intermediario finanziario o bancario attraverso l’elaborazione o la commercializzazione di modelli di evasione fiscale, suscita timori nelle categorie professionali interessate,non essendo ...