Ricerca

Ordina per: Rilevanza | Il più recente | Il meno recente

Documenti trovati: 8

Due recenti provvedimenti hanno modificato il regime fiscale dei fondi comuni di investimento immobiliare. Si evidenziano nel presente commento le novità più rilevanti per la tassazione dei partecipanti non residenti, con particolare riguardo ai seguenti aspetti: 1- le categorie di soggetti che beneficiano di esenzione sui proventi dei fondi; 2 – la applicazione dei Trattati contro la doppia imposizione ...
La Corte di Giustizia dell’Unione Europea con una pronuncia emanata nel contesto di una “procedura amichevole” prevista dalla Convenzione per evitare le doppie imposizioni stipulata tra Austria e Germania, fissa alcune regole interpretative generali e si esprime su una fattispecie controversa relativa a crediti con presunta partecipazione agli utili. La pronuncia si caratterizza come metodo ...

Articolo rivista - SFEF - 2018/36

Rossetti Davide Attilio, Guarino Stefano

Fondo di dotazione: recenti orientamenti giurisprudenziali


Nel verificare l’adeguatezza del fondo di dotazione (“free capital ”) delle stabili organizzazioni italiane di banche estere assumono particolare rilievo le metodologie applicate dai verificatori in sede di accertamento, generalmente orientate verso l’applicazione del Quasi Thin Capitalization Approach r ispetto alle metodologie “autorizzate” dall’OCSE, in base alle quali il fondo di ...
La Corte di cassazione, con le sentenze in commento, applicando i criteri ermeneutici della Convenzione di Vienna sulla interpretazione dei Trattati (artt. 31 e 32), in tema di doppia imposizione internazionale, giunge a ritenere che i benefici previsti dall’art. 10 della Convenzione Italia-Giappone (ratificata con la l. n. 855/1972), al fine di contrastare le pratiche volte a trarre profitto dalla ...
 A fronte dell’operatività dei contribuenti su mercati sempre più globalizzati, la potestà tributaria dei singoli stati, fondata sul principio di territorialità, ha mostrato evidenti limiti nella tutela degli interessi erariali dei singoli Paesi. A tutela della “ragion fiscale”, ossia del diritto di ogni Paese di determinare la “giusta imposta” dovuta dai propri contribuenti, in base ...
L’eventuale assenza di una struttura operativa nel caso di Holding statiche non è di per sé un elemento che può portare l’Amministrazione finanziaria a disconoscere l’applicazione delle convenzioni o delle Direttive Comunitarie essendo invece rilevante per le stesse dare prova dell’autonomia e padronanza delle decisioni di governo ed indirizzo delle partecipazioni detenute e nel trattamento ...
La Corte di Giustizia dell’Unione europea ha ritenuto incompatibile con l’art. 4 della Direttiva madre – figlia due norme fiscali nazionali (francese e belga) poiché comportavano una doppia imposizione degli utili ricevuti dalle società madri da parte di società figlie non residenti. Dopo aver analizzato il percorso argomentativo seguito dalla Corte in entrambe le pronunce, l’analisi si ...
La pubblicazione del D.M. 23 marzo 2017, che ha aggiornato la lista degli Stati che assicurano un adeguato scambio di informazioni, consente un approfondimento sull’applicazione dell’esonero da imposizione degli interessi, premi e altri frutti delle obbligazioni e titoli similari percepiti da soggetti non residenti di cui all’art. 6 del D.lgs. n. 239/1996.