Ricerca

Ordina per: Rilevanza | Il più recente | Il meno recente

Documenti trovati: 397

Articolo rivista - SFEF - 2016/23

Dolce Rosario

Dal FATCA al CRS: sinergie e differenze


La normativa CRS, in vigore dal gennaio 2016, costituisce “multilateralizzazione” della normativa FATCA promanante dal Governo USA, efficace dal luglio 2014: entrambe sono funzionali a reprimere l’evasione fiscale internazionale imponendo uno scambio di informazioni dei conti finanziari tra autorità governative, imponendo dettagliati e pervasivi obblighi di due diligence e reporting alle istituzioni ...

Articolo rivista - SFEF - 2016/23

Braccioni Patrizio

Il coordinamento delle funzioni di controllo nelle banche


Nel corso del 2013 l’approvazione della Capital Requirement Directive IV e del Regolamento UE 1024/2013 che istituisce il Meccanismo di Vigilanza Unico sotto l’egida della Banca Centrale Europea, assieme a circolari della Banca d’Italia in materia di vigilanza,  hanno cristallizzato alcuni criteri nuovi relativi a governance societaria e sistemi di controllo interno. Restano inoltre di attualità ...

Articolo rivista - SFEF - 2016/23

Brunetti Michele, Reale Luciano Maria, Scaramella Pasquale

Il dividend washing sui mercati finanziari: dinamiche e possibili riflessi penali alla luce della disciplina sul market abuse


La dinamica del dividend washing consiste nel cedere, in prossimità dello stacco dei dividendi, pacchetti azionari di società quotate gravide di utili in prossima distribuzione per poi riacquistarli, anche in forza di contratti derivati, ripristinando, post stacco dividendo, la situazione originaria.Tale dinamica è stata da sempre funzionale all’ottenimento di importanti vantaggi fiscali, poi ...
Questo intervento prosegue l’analisi della modifiche al Codice Civile introdotte dal D. Lgs. n. 139 del 18 Agosto 2015 (con decorrenza dagli esercizi che iniziano  dopo il 1 Gennaio 2016).#In particolare, oggetto del presente intervento è il principio di prevalenza della sostanza sulla forma e la portata dell’introduzione di tale principio nel nostro ordinamento.#L’intervento prende le mosse ...
L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 6/E del 30 marzo 2016, sembra aver definitivamente riconosciuto la liceità delle operazioni di acquisizione con indebitamento (cd. “MLBO/LBO”), sancendo, una volta per tutte, l’inerenza degli interessi passivi gravanti sul debito contratto dalla società veicolo per l’acquisto della società target, nonché la non abusività, a determinate condizioni, ...

Articolo rivista - SFEF - 2016/24

Brioschi Roberto

La disciplina del Patent Box


Il presente contributo è stato predisposto con la finalità di fornire una sintesi della disciplina agevolativa in materia di Patent Box introdotta dall’articolo 1, commi da 37 a 45, della Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge di Stabilità 2015), successivamente modificata dall’articolo 5 del Decreto Legge 24 gennaio 2015 n. 3, e dall’articolo 1, comma 148, della Legge 28 dicembre 2015, n. ...
Nel percorso di organizzazione di una struttura di gruppo, può sussistere la necessità di razionalizzare la funzione finanza, coordinando o accentrando la finanza operativa e/o strategica delle società partecipate. La funzione aziendale che, all’interno di un gruppo di imprese, si presta ad essere centralizzata è la tesoreria.#I finanziamenti intercompany sono presenti nei gruppi in cui non ...

Articolo rivista - SFEF - 2016/24

Dezzani Luca

L’antieconomicità dei comportamenti aziendali


La Cassazione ha – di fatto – inserito nel nostro ordinamento tributario il principio dell’economicità delle scelte imprenditoriali. La sproporzione del costo dedotto dall’impresa rispetto al valore normale di cui all’art. 9 del TUIR appare come un logico indizio attestante l’antieconomicità dell’operazione. Secondo la giurisprudenza di legittimità, dinnanzi a condotte contrarie ai ...
Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una sempre più frequente difficoltà per gli imprenditori di giungere ad efficaci accordi di ristrutturazione dei debiti a causa del ‘veto’ che veniva posto loro da alcuni di essi (o anche da solo uno) nella fase delle trattative. Veto che, nella maggioranza dei casi, si traduceva appunto in un ostacolo alla concreta fattibilità dell’intero piano previsto ...

Articolo rivista - SFEF - 2016/24

Vigo Walter, Severi Mirko

Gli accordi preventivi per l’internazionalizzazione delle imprese


La revisione della disciplina degli interpelli riguardante sia le transazioni internazionali che quelle domestiche evidenzia la volontà dell’Amministrazione finanziaria di rafforzare la cooperazione con il contribuente. Con il recepimento delle disposizioni della legge delega si è quindi voluto ampliare le possibilità per il contribuente di definire in via preliminare e totale cooperazione con ...