Ricerca

Ordina per: Rilevanza | Il più recente | Il meno recente

Documenti trovati: 15

Articolo rivista - SFEF - 2011/3

Amendola Provenzano Valentino, di Felice Paolo

Il regime delle ritenute e delle imposte sostitutive sulle rendite finanziarie


Gli intermediari finanziari, nello svolgere la funzione di sostituto d’imposta in relazione ai redditi che derivano alla propria clientela dagli strumenti finanziari, sono chiamati ad applicare una congerie di norme succedutesi nel tempo senza un disegno organico e caratterizzate da un lessico spesso incoerente. Il presente contributo, nello scorrere la casistica, si propone di evidenziare come, ...
La Corte di Giustizia, con sentenza del 30 aprile 2020, causa C-565/18, ha affermato la compatibilità comunitaria della disciplina italiana dell’imposta sulle transazioni finanziarie (c.d. “Tobin tax”) applicata agli strumenti derivati. Tale imposta è disciplinata dall’art. 1, comma 492, Legge 228/2012. L’arresto si segnala, oltre che per il contenuto della decisione, fondata sull’analisi ...
Con il d.l. n. 133 del 2013 il legislatore ha introdotto l’obbligo per gli intermediari operanti nel regime del risparmio amministrato che applicano l’imposta sostitutiva di cui all’articolo  5 del d.lgs. 21 novembre 1997, n. 461, di versare entro il 16 dicembre di ciascun anno un importo, a titolo di acconto, pari al 100 percento dell’ammontare complessivo dei versamenti dovuti nei primi ...
La normativa che ha introdotto l’imposta sulle transazioni finanziarie impone agli intermediari obblighi particolarmente complessi in relazione all’individuazione del presupposto impositivo ed al calcolo e versamento dell’imposta; nonché insidiosi adempimenti strumentali e di comunicazione. Il presente articolo esamina le procedure che devono essere applicate dalle banche italiane ed estere, ...

Articolo rivista - SFEF - 2016/22

Portalupi Antonella

Riforma contabile 2016: novità in vista per gli strumenti finanziari


A partire dal 1° gennaio 2016 è entrato in vigore il DLgs 139/2015 che ha apportato numerose modifiche al codice civile con riferimento alle disposizioni di redazione del bilancio di esercizio. Il decreto recepisce la Direttiva 2013/34 con l’obiettivo di rendere maggiormente trasparenti i bilanci delle imprese europee e consentire alle PMI un risparmio sui costi di informativa. Le nuove disposizioni ...

Articolo rivista - SFEF - 2011/3

Fransoni Guglielmo

Scelte di fondo e criticità nel sistema impositivo degli strumenti finanziari


In diritto tributario, la disciplina degli strumenti finanziari è, come noto, incentrata sulla distinzione "titoli di debito", "titoli partecipativi". Dal punto di vista del diritto commerciale questa distinzione non è particolarmente netta perché disciplina degli strumenti finanziari lascia ampio spazio per la configurazione di titoli ibridi. Sono quindi molteplici i caratteri che il legislatore ...
Con il varo del decreto legge n. 201/2011 (cosiddetto “salva Italia) sono state apportate rilevanti e sostanziali modifiche alle disposizioni in materia di imposta di bollo. La normativa introdotta mira, da un lato, ad ampliare la base imponibile del tributo ad una più vasta gamma di strumenti e prodotti finanziari - modificando nel contempo anche le norme riguardanti i conti correnti e i libretti ...

Articolo rivista - SFEF - 2021/50

Manuti Nicola

PIR - Evoluzione della disciplina


Il regime agevolato dei Piani Individuali di Risparmio mira a convincere le famiglie e gli enti di previdenza, compresi i Fondi Pensione, ad investire nel “rischio Italia” e, al contempo, a favo­rire lo sviluppo dei mercati finanziari nazionali, in termini sia di dimensioni sia di liquidità. Accanto ai PIR di prima generazione, nel Decreto “Rilancio” sono comparsi i PIR “alternativi”, ...
Gli investment certificates e gli Exchange Traded Commodities (ETC) appartengono alla categoria dei cd. “ derivati cartolarizzati ”, cioè di contratti derivati le cui caratteristiche contrattuali sono incorporate in un titolo negoziabile emesso, generalmente, da un’istituzione finanziaria. Gli investment certificates restano strumenti finanziari derivati e non possono essere assimilati ad altre ...
All’interno del corpo dei principi contabili internazionali le regole per la contabilizzazione delle commissioni per servizi finanziari sono riportate in parte nello IAS 18 (Revenue recognition), e in parte nello IAS 39 (Financial instruments: recognition and measurement). Dopo una analisi delle regole generali previste dallo IAS 18 per la contabilizzazione dei ricavi (ed in particolare per la ...