Ricerca

Ordina per: Rilevanza | Il più recente | Il meno recente

Documenti trovati: 365

Con il d.l. n. 133 del 2013 il legislatore ha introdotto l’obbligo per gli intermediari operanti nel regime del risparmio amministrato che applicano l’imposta sostitutiva di cui all’articolo  5 del d.lgs. 21 novembre 1997, n. 461, di versare entro il 16 dicembre di ciascun anno un importo, a titolo di acconto, pari al 100 percento dell’ammontare complessivo dei versamenti dovuti nei primi ...
L’Agenzia delle Entrate, seguendo un metodo già utilizzato in altre occasioni, ha avviato una consultazione pubblica sulla bozza di Circolare di commento alla disciplina CFC, e sul coevo provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, conseguente al recepimento della Direttiva ATAD nel nostro ordinamento giuridico. Nell’articolo, dopo aver riepilogato i profili essenziali della disciplina ...

Articolo rivista - SFEF - 2011/5

Bellavia Angela, Torre Roberto

Operazioni di rimpatrio e modello 770: i limiti alla riservatezza del mandato fiduciario


All’indomani della conclusione delle operazioni di rimpatrio (a fronte del cd. “Scudo fiscale- ter ” previsto dall’art. 13- bis del d. l. n. 78 del 2009) gli intermediari finanziari, comprese le società fiduciarie, hanno dovuto fare i conti con gli adempimenti imposti dall’Amministrazione finanziaria, consistenti nello specifico nell’ottemperanza degli oneri di comunicazione, anche in ...
Il processo di convergenza degli ordinamenti tributari nazionali verso regole condivise di contrasto alla erosione delle basi imponibili ed alla delocalizzazione dei profitti ha indotto gli Stati membri della UE a modificare la Direttiva “società madri e figlie”, per limitarne i benefici ai soli casi di effettiva doppia imposizione degli utili societari. L’Italia ha dato attuazione alla normativa ...
Con la risposta a interpello n. 538 del 2019, l’Agenzia delle entrate ha avuto l’occasione di chiarire il regime tributario applicabile ai “juros sobre capital proprio”, percepiti dal socio italiano detentore di partecipazioni in una società residente in Brasile.#In particolare, l’Amministrazione finanziaria, in applicazione delle disposizioni convenzionali, fa presente che per la parte ...
Con la sentenza n. 28437/2021 la Corte di Cassazione ha puntualizzato, così dando continuità al consolidato orientamento giurisprudenziale, che il delitto di dichiarazione fraudolenta ha natura istantanea e si consuma nel momento di presentazione della dichiarazione. Di talché, tutte le condotte antecedenti (ivi compresa la registrazione in contabilità della documentazione fiscale falsa) e successive ...

Articolo rivista - SFEF - 2019/44-45

Leone Federico

Gli strumenti finanziari ibridi nel Decreto ATAD


Con il Decreto Legislativo n. 142 del 29/11/2018 sono state recepite nel nostro ordinamento le Direttive ATAD 1 e ATAD 2, emanate dall’Unione Europea in materia di contrasto all’elusione fiscale internazionale. All’interno del Capo IV del D. Lgs. n. 142/2018, il Legislatore si è occupato del tema del “disallineamento da ibridi”, definendo quali sono gli effetti che possono derivare da situazioni ...
L’entrata in vigore del D. Lgs. n. 158/2015 ha importato modifiche strutturali ai reati tributari di cui al vigente D.Lgs. n. 74/00. Per quanto concerne i reati dichiarativi le maggiori modifiche in punto elemento materiale del reato sono intervenute agli artt. 3 e 4 D. Lgs. n. 74/00, rispettivamente dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici e dichiarazione infedele. Non può essere sottaciuto ...
Nell’ultimo trimestre il Governo Italiano, al fine di fronteggiare la grave contrazione dell’economia nazionale conseguente all’emergenza sanitaria legata al diffondersi del Covid-19, ha introdotto diverse misure emergenziali (anche di carattere tributario) di sostegno economico per le famiglie, i lavoratori e le imprese. Nonostante l’encomiabile sforzo profuso dal Governo italiano, permangono ...

Articolo rivista - SFEF - 2015/18

Parisotto Renzo

Ruolo degli intermediari bancari. Osservazioni di un esperto bancario


Con la diffusione delle Circolare n 10/E del 13 marzo 2015 l’Agenzia delle Entrate ha fornito i primi chiarimenti interpretativi ed applicativi della Legge 186/2014 c.d. Voluntary Disclosure. Si evince chiaramente il ruolo più defilato degli intermediari finanziari residenti rispetto alla centralità che gli stessi avevano nei non dimenticati provvedimenti di scudo fiscale. Ciò nondimeno essi ...