Ricerca

Ordina per: Rilevanza | Il più recente | Il meno recente

Documenti trovati: 240

C’è un tipo di innovazione finanziaria che serve solo a chi l’inventa, ma c’è anche un’innovazione finanziaria che serve all’economia reale. I PIR, i piani di risparmio di lungo termine, approvati con la Legge di Bilancio (Legge 11 dicembre 2016, n. 232, art. 1, commi 100-114), rientrano in quest’ultima categoria e il loro successo è intrinseco nella loro denominazione, sono strumenti ...

Articolo rivista - SFEF - 2017/32-33

Scafati Ilario

PIR: perché e per chi?


La legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di bilancio per il 2017), introducendo nell’ordinamento tributario italiano uno speciale regime fiscale di esenzione per i redditi derivanti dagli investimenti effettuati da singoli individui tramite i “piani di risparmio a lungo termine” (c.d. piani individuali di risparmio o “PIR”), intende raggiungere uno specifico obiettivo extrafiscale. Non si ...

Articolo rivista - SFEF - 2017/32-33

Accinni Alessandro, Sciumè Sofia

L’intestazione di PIR a minori di età


Recentemente il MEF ha chiarito che i minori di età possono essere titolari di PIR, di cui alla Legge di Bilancio 2017. Gli autori ripercorrono la disciplina degli investimenti compiuti per conto di minori di età e propongono un’alternativa al ricorso autorizzativo al Giudice Tutelare, costituita dalla intestazione al minore del PIR ottenuta dal genitore/stipulante mediante conclusione con l’intermediario ...
Sommario Il Dipartimento delle Finanze del MEF ha pubblicato lo scorso 4 ottobre i primi chiarimenti sullo speciale regime fiscale per i “piani di risparmio a lungo termine- PIR”. Per effetto della legge di bilancio per il 2017, il Legislatore tributario ha introdotto, per la prima volta, dopo numerosi tentativi normativi falliti, per le persone fisiche residenti una esenzione generalizzata ...

Articolo rivista - SFEF - 2017/32-33

Grilli Stefano

Lo status delle holding ai fini del CRS


Nell’assenza di chiarimenti ufficiali da parte dell’Agenzia delle Entrate, dopo una breve panoramica sul funzionamento del Common Report Standard (CRS) elaborato in sede OCSE, il presente contributo raccoglie le riflessioni maturate in tema di classificazione delle holding ai fini dell’applicazione della normativa nazionale che vi dà attuazione. Il carattere “universale” di tale strumento ...
Pubblicate lo scorso 4 ottobre le Linee Guida con cui il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha dissipato alcuni dei dubbi segnalati soprattutto dalle Associazioni di categoria attorno ai Piani individuali di Risparmio. Nonostante il favore con cui i Pir sono stati accolti dal pubblico dei risparmiatori italiani e le cifre, da capogiro, di capitali sottoscritti, decisamente troppi erano ancora ...
L’entrata in vigore del D. Lgs. n. 158/2015 ha importato modifiche strutturali ai reati tributari di cui al vigente D.Lgs. n. 74/00. Per quanto concerne i reati dichiarativi le maggiori modifiche in punto elemento materiale del reato sono intervenute agli artt. 3 e 4 D. Lgs. n. 74/00, rispettivamente dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici e dichiarazione infedele. Non può essere sottaciuto ...

Articolo rivista - SFEF - 2017/32-33

Giangrande Giuseppe

Commento alla Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 97/E del 25 luglio 2017


L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 97/E del 25 luglio 2017, rispondendo a un’istanza di interpello, fornisce un interessante chiarimento interpretativo in materia di scissione parziale proporzionale seguita dalla cessione delle partecipazioni nella società scissa, in rapporto alla nuova disciplina dell’abuso del diritto.

Articolo rivista - SFEF - 2017/32-33

Amendola-Provenzano Valentino

Piani individuali di risparmio – PIR. Vincoli di concentrazione


Il vincolo di concentrazione è una delle limitazioni di investimento imposte dalla legge affinché sia possibile fruire dei vantaggi fiscali dei PIR. Si tratta di un limite rivolto a mitigare il cosiddetto “rischio emittente”, che presenta tuttavia alcune incongruenze. L’obbligo di non investire una quota superiore al 10 per cento del valore del PIR in strumenti finanziari di uno stesso emittente ...

Articolo rivista - SFEF - 2016/26-27

Galli Carlo

Target-2-Securities: nuove modalità e adempimenti


La progressiva entrata a regime di T2S – infrastruttura dell’Eurosistema per il regolamento centralizzato delle operazioni in titoli – condurrà ad una più accentuata polarizzazione delle operazioni di custodia e regolamento titoli sulle piazze internazionali. Ciò porterà ad un maggiore coinvolgimento degli intermediari internazionali in attività – quali custodia, regolamento e gestione ...