Ricerca

Ordina per: Rilevanza | Il più recente | Il meno recente

Documenti trovati: 229

Nella risoluzione n. 76 del 6 novembre l’Agenzia delle Entrate chiarisce che la imposta di bollo sui rendiconti del servizio di gestione inviati alla clientela è deducibile dal risultato maturato della gestione, per la quale sia stata esercitata la opzione di cui all’art. 7 DLGS 461/97 (cd. risparmio gestito), in quanto rappresenta un onere inerente. La risoluzione, dopo aver descritto le caratteristiche ...
L'Agenzia delle entrate, con la risoluzione a margine, ha fornito le istruzioni per il versamento dell'acconto, da parte degli intermediari finanziari, dell'imposta sostitutiva prelevata sui redditi diversi di natura finanziaria (capital gains) che si trovano nel regime del risparmio amministrato. Il suddetto versamento, previsto dall'art. 2, comma 5° del D.L. 30-11-2013 n.133, deve essere effettuato ...
Nel caso in esame, una SIM, sottoposta alla procedura di liquidazione coatta amministrativa, aveva incarichi di gestione individuale di portafoglio per i quali i contribuenti avevano esercitato l’opzione di cui al comma 1 dell’articolo 7 del D.Lgs. n. 461 del 1997 (cd. regime del risparmio gestito) che comporta l’applicazione dell’imposta sostitutiva del 20 per cento sul risultato maturato ...
Con il Provvedimento del 14 giugno 2013 il Direttore dell’Agenzia delle Entrate definisce la percentuale massima di risparmio spettante alle imprese che aderiscono ad un contratto di rete per il periodo d’imposta 2012, fissata all’83,0423% dello sconto d’imposta richiesto con il modello “Reti”. Il bonus fiscale è stato determinato sulla base del rapporto tra le risorse stanziate per l’anno ...
La detrazione del 55% per gli interventi volti  al  risparmio energetico, prevista dall’art. 1, commi 344 e seguenti, della L. n. 296/06 (Finanziaria 2007) e  dal  D.M. 19/02/2007, (estesa dal “Decreto Crescita”, nella misura ridotta del 50%, anche al periodo dal 1 gennaio 2013 al 30 giugno 2013) spetta a chi sostiene la spesa dell’intervento,  qualunque  sia  la  categoria  catastale  ...
La conversione di azioni di risparmio in ordinarie è un’operazione sempre più frequentemente valutata e attuata da società quotate italiane, per svariate ragioni di carattere legale, finanziario e regolamentare, che verranno brevemente riepilogate nei paragrafi che seguono. Nonostante l’operazione in parola sia ricorrente nella prassi di mercato, il relativo trattamento fiscale non risulta ...

Articolo rivista - SFEF - 2017/29

Vigo Walter, Papetti Monica

Il regime fiscale dei Piani di risparmio a lungo termine francesi: spunti di riflessione


La legge di Bilancio per l’anno 2017 ha dato attuazione nell’ordinamento italiano ai piani di investimento di lungo termine (denominati PIR) in analogia con quanto già a suo tempo fatto da altri ordinamenti quali Francia e Inghilterra. I piani di risparmio hanno la caratteristica principale di garantire un regime di favore fiscale ai sottoscrittori che consiste nell’esenzione da tassazione ...

Articolo rivista - SFEF - 2014/15

Fasano Nicola

Le novità della direttiva risparmio 2014/48/UE


Dopo una lunga gestazione, lo scorso marzo il Consiglio dell’Unione Europea ha approvato la direttiva risparmio 2014/48/UE che integra e modifica la precedente direttiva 2003/48/CE. Le principali novità riguardano l’introduzione di misure antielusive tese a contrastare l’aggiramento della direttiva tramite l’interposizione di entità o dispositivi giuridici nella riscossione degli interessi, ...
L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 11/E del 28 marzo 2012, ha illustrato il nuovo trattamento fiscale delle rendite finanziarie, chiarendone l’ambito applicativo, le eccezioni e le decorrenze. Il nuovo sistema di tassazione prevede l’applicazione di una aliquota unica al 20% (anziché al 12,50% o al 27%) a interessi, dividendi su partecipazioni non qualificate, guadagni di capitale ...
In risposta ad un interpello presentato da una Associazione, la Agenzia delle Entrate chiarisce il ruolo della SGR rispetto alla imposizione dei redditi di capitale derivanti in costanza di partecipazione e in sede di rimborso e liquidazione delle quote di Oicvm italiani e lussemburghesi storici, oltre che dei redditi di capitale e delle eventuali minusvalenze realizzati in sede di cessione delle ...