SFEF

2011/3

I titoli irredimibili. Alcune considerazioni sulla tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria


Il nuovo scenario dei mercati finanziari che si è delineato a partire dal 2008 ha suggerito la ricerca di strumenti finanziari di provvista che consentissero alle imprese di reperire risorse stabilmente impiegate nel processo produttivo. In questo contesto è aumentato il ricorso all’emissione dei titoli di debito irredimibili. Il regime fiscale di detti titoli non pone problemi interpretativi per quanto riguarda la tassazione dei redditi diversi di natura finanziaria; per quanto riguarda, invece, la tassazione dei redditi di capitale ci si chiede se sia corretto ricomprendere i titoli della specie tra i titoli atipici o, piuttosto, tra i titoli obbligazionari. La soluzione al problema presuppone un’analisi su come la scadenza ed il rimborso del capitale si pongano quali elementi che caratterizzano la natura del titolo obbligazionario e, quindi, anche il titolo irredimibile.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.

Indice

Archivio della rivista