SFEF

2017/3

Il bilancio delle società di Credito al Consumo: tra complessità delle banche e specializzazione degli enti finanziari


Il 9 dicembre 2016 sono state emanate, dalla Banca d’Italia, le disposizioni relative a «Il bilancio degli intermediari IFRS diversi dagli intermediari bancari», tra cui sono annoverati gli operatori di credito al consumo iscritti all’albo unico di cui all’art. 106 TUB. L’occasione è propizia per discorrere degli schemi di bilancio e dell’operatività delle società di credito al consumo, operanti nella forma di banca o di ente finanziario, ripercorrendo le evoluzioni storiche della regolamentazione ed evidenziando le differenze nell’informazione finanziaria resa dalle due tipologie di operatori. Alla fine dell’articolo saranno portati ad evidenza i punti di contatto e le asimmetrie informative dei rendiconti delle banche e dei soggetti non bancari, sollecitando una riflessione sui possibili sviluppi del comparto e su una auspicabile razionalizzazione della relativa disciplina di bilancio.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.