SFEF

2020/47

Le possibili “conseguenze provvedimentali” del rimborso parziale: brevi note a margine di una recente pronuncia della Corte di cassazione


Contrariamente a quanto sembrerebbe affermare la Suprema Corte nella sentenza in commento, si è dell’avviso che un provvedimento di rimborso parziale, privo di qualsiasi indicazione espressa in merito alla “sorte” delle somme (chieste a rimborso, ma) non rimborsate, andrebbe inteso, con specifico riferimento a queste ultime, come (implicitamente) inclusivo di un contestuale provvedimento di rifiuto “espresso” di restituzione (impugnabile entro il termine decadenziale di sessanta giorni dalla relativa conoscenza ex artt. 19 e 21, co. 1, d.lgs. n. 546 del 1992), salvo il caso in cui nel contenuto del provvedimento di rimborso parziale siano presenti elementi in grado di far desumere una sua natura solo “interlocutoria” relativamente a tali somme non rimborsate.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.