SFEF

2020/47

La rilevanza sostanziale della nozione convenzionale di beneficiario effettivo dei dividendi


La Corte di cassazione, con le sentenze in commento, applicando i criteri ermeneutici della Convenzione di Vienna sulla interpretazione dei Trattati (artt. 31 e 32), in tema di doppia imposizione internazionale, giunge a ritenere che i benefici previsti dall’art. 10 della Convenzione Italia-Giappone (ratificata con la l. n. 855/1972), al fine di contrastare le pratiche volte a trarre profitto dalla autolimitazione della potesta? impositiva statale, siano attribuibili - sebbene la norma non vi faccia testuale riferimento - al “beneficiario effettivo”, espressione questa esplicitamente introdotta solo nei Modelli di Convenzioni OCSE successivi.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.